Angri. Sales spiega l’intreccio chiesa e criminalità

Nuovo spunto per parlare della criminalità organizzata. “I preti e i mafiosi: storia di rapporti tra mafie e chiesa cattolica” di Isaia Sales. Un libro report che mette chiesa e mafia sullo stesso piano, evidenziando una cristianità impura.
Sales cerca di indagare e di rivelare al paese cosa realmente si celi dietro il clergyman – l’abito dei sacerdoti – e perché tante cose vengono nascoste. Quale rapporto possa intercorrere tra la criminalità e il clero. Un rapporto, una convivenza che esiste da anni. Ogni mafioso ha un rituale diversi dall'altro. Un po’ come gli sportivi con gesti scaramantici ma con la "piccola" differenza che questi ultimi non uccidono nessuno. Dunque, c’è chi uccide e poi si va a confessare, chi invece lo fa prima chiedendo però perdono al suo Santo protettore per poter avere poi le porte del Paradiso aperte.
L’autore sarà presente venerdì prossimo, 28 maggio 2010, alle ore 18,30 presso “Casa del cittadino” in Piazza Doria, dove presenterà il suo libro. Per l’occasione interverranno Don  Vincenzo  Federico della Caritas , il sindaco di Angri, Lino Picca , docente di Storia e Filosofia , Claudio  Trincali, presidente Sezione Corte d’Appello di Salerno, Antonio Valiante, Vice Presidente Consiglio Regionale. Coordinerà Luigi D’Antuono, Presidente Centro Iniziative Culturali.