Santocchio è presidente del CSTP

L’avvocato Mario Santocchio, nominato questa mattina Presidente del Consiglio di Amministrazione del CSTP (Consorzio Salernitano dei Trasporti Pubblici) nel corso dell’Assemblea ordinaria dei soci, esprime soddisfazione per l’incarico ricevuto e ringrazia i soci dell’Azienda per la fiducia accordatagli.

Conncetivia voucher 2,5

“Nell’accogliere con orgoglio l’incarico che mi è stato conferito – dichiara il neo Presidente del CSTP, Mario Santocchio – sento il dovere di manifestare il mio più sentito ringraziamento ai soci dell’Azienda che hanno deciso di riporre fiducia in me, unitamente ad un sentimento di grande responsabilità che scaturisce dalla consapevolezza dell’esiguità delle risorse che la difficile congiuntura economica mette a nostra disposizione. E’, pertanto, ancora più profonda la gratitudine che avverto, oltre che nei confronti di chi mi ha nominato presidente di questa società, anche nei confronti di chi ha con prudente saggezza saputo porre le basi politiche affinché il rinnovo dei vertici aziendali del CSTP avvenisse senza strappi istituzionali.

Il riferimento è ovviamente al nostro Presidente della Provincia, Edmondo Cirielli, che raccoglie insieme ai suoi collaboratori, con la regia di questa operazione, l’effetto naturale di quel principio di alternanza democratica che nel voto del popolo sovrano trova il fondamento al quale noi tutti dobbiamo far riferimento.” Il neo Presidente del CSTP rivolge un saluto anche a tutti i dipendenti del Consorzio Salernitano dei Trasporti Pubblici, alle rappresentanze sindacali che ne tutelano i diritti e, ovviamente, ai sindaci dei comuni, ai rappresentanti istituzionali dei vari enti e alle autorità dell’intera provincia.

“Sono perfettamente consapevole – aggiunge l’avvocato Mario Santocchio – che senza la partecipata e preziosa collaborazione dei dipendenti questa grande impresa consortile non andrebbe avanti e senza la saggezza rigorosa e leale dei loro delegati sindacali molte vicende di questa azienda sarebbero state destinate ad arenarsi. Il mio pensiero va anche ai sindaci dei comuni della nostra provincia. Conoscendo quanto siano gravi ed incombenti le difficoltà scaturite dall’avversa contingenza economica di questi mesi, so bene che mentre chiediamo la loro collaborazione, abbiamo il dovere, di converso, di saper garantire l’utilizzo più oculato ed efficace delle risorse che le loro amministrazioni mettono a disposizione della nostra società.

Un saluto doveroso voglio, inoltre, rivolgere a tutte le autorità della provincia, al signor Prefetto, agli operatori degli organi di informazione, con l’impegno che da parte mia vi sarà sempre la massima collaborazione, nella consapevolezza che la mission di questa società è garantire la massima efficacia di un servizio che intacca e tocca la sfera di tutte le attività pubbliche, familiari e personali, che si sviluppano sul nostro territorio. La mobilità è un diritto costituzionalmente garantito e noi saremo lo strumento per la pratica efficiente di quel diritto. I nostri piani industriali, nella compatibilità delle risorse limitate dalla difficile congiuntura economica, dovranno puntare al soddisfacimento più ampio e razionale di quel diritto. Ed in tale direzione va, sin da ora, il mio personale impegno.”