Angri. Squillante nutre perplessità sull’azienda speciale

I costi di gestione ritenuti esorbitanti e le nomine fatte dal primo cittadino Pasquale Mauri. Nella lente investigativa del consigliere comunale di Angri e assessore provinciale al bilancio di Salerno Antonio Squillante finisce Angri Eco Servizi, da qualche tempo molto chiacchierata per l’enorme voragine nei bilanci contabili della partecipata del comune di Angri. Squillante sostiene che ‹‹I costi di gestione dell’azienda speciale stanno gravando in modo pesante sulle tasche degli angresi, tenendo conto che i servizi offerti non sono affatto migliorati››.

Le perplessità di Squillante aumentano quando si analizzano le nomine del nuovo consiglio di amministrazione di Angri Eco Servizi. Duro il giudizio di Squillante sui criteri di nomina ‹‹ Il nuovo Cda nasce da una chiara lottizzazione di tipo politico. I nuovi dirigenti non sono stati scelti per le loro caratteristiche professionali o curruculari. Più  semplicemente la scelta è ricaduta su questi uomini candidati con Mauri e per i voti ottenuti. Sono stati praticamente scelti tra i primi dei non eletti e quindi premiati per la loro abnegazione alla causa elettorale››.

Nei debiti fuori bilancio che l’esecutivo Mauri si appresta ad approvare potrebbe esserci anche qualche pregresso contabile, azione questa che potrebbe ulteriormente gravare sull’azienda e sul contribuente che proprio in questi giorni si vede aumentare anche la TARSU. Squillante pone il suo focus sulle vertenze legali ‹‹Mi preoccupano i contenziosi presentati da diversi legali avverso la società situazioni che influiscono decismente sul bilancio. Non vorrei – sostiene Squillante ?che questo cambio al vertice fosse frutto di qualche accomodamento che presto potrebbe palesarsi anche tra i banchi del consiglio comunale››. Una situazione confusa, che rispecchia questi primi mesi di nuova amministrazione.
Luciano Verdoliva