Via Salice a Scafati, incubo degli autombilisti

Perennemente chiuso. Il passaggio a livello di Via Salice, confine tra Angri e Scafati, in località Bagni è diventato un vero incubo per gli automobilisti, soprattutto con la calura di queste settimane. Progetti ne comunicati stampa, per l’imminente realizzazione di un cavalcavia, provenienti dai due comuni non hanno attenuato la rabbia di chi è costretto a sostare per tempo prolungato davanti alle sbarre del passaggio a livello.

Un'attesa media di sette minuti che può significare tanto per questi giorni caldi. Un attesa snervante che provoca anche crisi isteriche con gravi conseguenze per la circolazione e il transito dei convogli sull’ex linea diretta ora diventata metropolitana. Alcuni mesi fa si registrò un grave incidente proprio all’altezza delle barriere, una autoveicolo tentò di superare la chiusura automatica, un gesto inconsulto che portò alla distruzione dell’auto speronata dal treno in transito. Qualità della vita peggiorata anche per i residenti costretti a convivere con i clacson delle auto in fila. Lo smog delle auto e dei camion che non spengono i motori durante la sosta forzata. Per ora il cavalcavia resta un miraggio.

Conncetivia voucher 2,5