Calcio. Cavese sfotunata. In D, Angri sugli scudi

Lega Pro. Bastano pochi minuti alla nocerina di Autieri per stabilire le gerarchie in campo. Un remissivo Barletta non tiene testa ai molossi che passano in vantaggio al 11' minuto quando Cavallaro lasciato colpevolmente solo dalla coppia centrale difensiva Ludioni – Anselmi a tu per tu con Tesoriero trafigge l'estremo difensore biancorosso. Tempo per mettere la palla al centro che la Nocerina raddoppia. Catania insacca un incolpevole Tesoriero. La reazione del Barletta è volenterosa, le discese di Bellomo spesso creano scompiglio tra i centrali della Nocerina che spesso e volentieri sono costretti al fallo. Secondo tempo più vivace per i pugliesi che al 39' con Caccavallo accorcia le distanze con una rabbiosa conclusione. Ancora Caccavallo protagonista due minuti più tardi prima con una conclusione al lato e successivamente quando si fa ammonire per una brutta entrata. La gara finisce e i molossi tirano un sospiro di sollievo.

Trasferta da dimenticare per la Cavese. Una Cavese molto tonica che avrebbe meritato il pareggio. Al 19’ il vantaggio del Gela con una splendida punizione dai venticinque metri di Cruciani, abile ad indirizzare la sfera proprio sotto l’incrocio dei pali. Bella anche la punizione con la quale Ciano pareggia al 35’. Nel secondo tempo tra capovolgimenti di campo la Cavese tenta il colpaccio e si rende molto pericolosa al 43’ con un sinistro di Turienzo che Nordi respinge; poi, all’ultimo assalto (quarto minuto di recupero), D’Anna, inaspettatamente regala i tre punti al Gela sfruttando una palla vagante nell’area campana.

Gara da incorniciare per la Juve Stabia che fa bottino pieno in terra sicula. Brutta batosta per il Siracusa, che non riesce a reagire contro una Juve Stabia determinata, che mette a segno ben cinque goal con Corona, Albadoro, Raimondi e Valtulina.

Domani l’atteso derby tra salernitana e Paganese, che a vincere, questa volta sia soprattutto lo spettacolo e una sana giornata di sport.

In serie D, nel girone H il Sant’Antonio Abate guadagna il primo punto della stagione a Francavilla sul Sinni e salva, almeno per questa settimana la panchina di mister Ragazzo. I giallorossi vanno in svantaggio, poi Siano rimette in sesto la partita realizzando l´1-1 su calcio di rigore.

Vittoria di rigore anche per la prima casalinga dell’Angri. Azione saliente del vantaggio dei grigiorossi al 23’, quando un colpo di testa di Incoronato pericoloso che spaventa la retroguardia gialloblè. Sull'azione successiva, Basile commette fallo in area di rigore su Maiella. Al 25’ rigore realizzato da Incoronato che manda in visibilio il numeroso pubblico accorso per la prima stagionale del cavallino rampante. Nemmeno il tempo di rimettere la palla a centro campo che una fulminea azione dei grigiorossi provoca il secondo rigore. E’ il 27’ sul cronometro e un fallo da ultimo uomo di Malafronte su Maiella, già protagonista nel primo penalty, secondo calcio di rigore accordato ai padroni di casa ed espulsione per il difensore pisticcese. E’ il 28' questa volta si incarica del tiro dagli undici metri proprio Maiella che raddoppia. Angri 2 Pisticci 0 e gialloblè costretti come domenica scorsa a giocare in 10 uomini. L’Angri amministrerà l’incontro senza ulteriori affanni.