Leopardi. Per Ingenito medaglia alla cultura

E’ una delle figure giornalistiche più sensibili e acute del panorama locale. Agostino Ingenito, un giornalista freelance con la passione per il poeta per antonomasia Giacomo Leopardi. A lui Agostino sta dedicando parte della sua vita professionale diventandone minuzioso studioso. Anche Leopardi, per i suoi tempi, era stato, a modo suo, un vero giornalista.

Conncetivia voucher 2,5

Lo Zibaldone dei Pensieri evoca meglio questo suo stato intellettivo essenziale. Ingenito è stato un dei promotori per le celebrazioni leopardiane e del concorso letterario internazionale "Leopardi e Napoli, legame indissolubile". Un lavoro che gli è valso addirittura il riconoscimento del Presidente della Repubblica che ha voluto conferirgli la medaglia alla cultura della Presidenza. Per Ingenito una prima grande soddisfazione che ben presto potrebbe arricchirsi di nuovi prestigiosi riconoscimenti.

Infatti lo scorso 29 giugno in Piazza Plebiscito, Colonnato San Francesco di Paola, cultori ed estimatori del Poeta di Recanati si alternarono tra recite e conversazioni. A Napoli città in cui morì, a soli 39 anni, lo scrittore e poeta. Località d’eccezione, che l’autore di liriche e poesie indimenticabili, aveva frequentato nel suo soggiorno partenopeo, sede di transito per autori, poeti ed estimatori che si esibirono con recite e poesie di fronte alla storica Libreria Treves.

Un reading poetico e di conversazione a cura dell’associazione Leopardi diretta proprio dal giornalista Agostino Ingenito, in collaborazione con l’Accademia Palasciania diretta dallo scrittore Marco Palasciano, la Libreria Treves a cura di Rino De Martino e i cultori e lettori dell’autore de La Ginestra.

‹‹ La città di Napoli deve un tributo a Leopardi – dichiarò Ingenito – Muccio come lo chiamava la madre, la contessa Adelaide Antici, visse per circa tre anni, fino alla morte, nella città dei Borbone››. Proprio sulle cause del decesso del poeta, Ingenito sta pubblicando un testo che sarà a breve in libreria: ‹‹Ho inteso fare chiarezza, elaborando uno scritto con curiosità, aneddoti e le alterne fortune di Leopardi e del suo particolare rapporto con la città di Napoli, mi auguro che questo testo in pubblicazione ad ottobre, possa interessare un pubblico vasto ed eterogeneo.››