Discarica Sari. I sindaci denunciano in Procura

Si è appena concluso incontro tra i sindaci di Boscoreale, Boscotrecase, Trecase e Terzigno, Gennaro Langella, Agnese Borrelli, Gennaro Cirillo e Francesco Ranieri (Vicesindaco di Terzigno), con i rappresentanti dei movimenti, comitati e “mamme vulcaniche”, tenuto per fare il punto sulla problematica discariche rifiuti nel Parco Nazionale del Vesuvio.

Conncetivia voucher 2,5

Nel corso della riunione è stata esaminata una copiosa documentazione dalla cui lettura si rileverebbe uno stato d’inquinamento preoccupante delle falde acquifere, evidentemente generato dalla discarica rifiuti SARI. Alla luce di ciò i convenuti hanno concordato una serie di ulteriori azioni che saranno avviate fin dalle prossime ore: denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola, con invio della documentazione dalla quale si evincerebbe lo stato d’inquinamento delle falde acquifere; adozione di provvedimenti che tutelino ulteriormente la salute pubblica.

In proposito, il Sindaco di Terzigno, previo parere dei propri legali, valuterà la possibilità di ordinare la chiusura della discarica SARI, essendo emersi, appunto, dei dati che dimostrerebbero un pericoloso inquinamento in atto delle falde acquifere con gravi rischi per la pubblica salute; richiesta urgente al Presidente dell’Amministrazione provinciale di Napoli affinché intervenga per evitare altri pericoli, e al contempo rispetti gli impegni assunti al tavolo tecnico, facendosi promotore di un urgentissimo incontro con il Presidente della Giunta regionale e con i rappresentanti del Governo per scongiurare, definitivamente, la paventata ipotesi di apertura di una seconda discarica nella cava Vitiello.