Castellammare di Stabia. “Sabato ecologico”, tutti a ripulire il litorale stabiese

E' partito, questa mattina, il primo dei “sabati ecologici” di ottobre promossi dall'Amministrazione comunale di Castellammare di Stabia: decine di volontari, capitanati dal sindaco, Luigi Bobbio, dal vice, Giuseppe Cannavale e dagli assessori di Palazzo Farnese, hanno ripulito il litorale cittadino, all'altezza dell'ex Casa del Fascio, raccogliendo i rifiuti ingombranti abbandonati tra la sabbia.

“Ringraziamo le associazioni e i cittadini che hanno raccolto il nostro invito”, hanno dichiarato il sindaco Bobbio e l'assessore comunale alla Manutenzione urbana, Antonio Coppola, “a rimboccarsi le maniche e a dedicare qualche ora alla pulizia della città. È anche con iniziative del genere, che vedono in prima fila le forze positive della città, che Castellammare s'incammina, sempre più velocemente, verso il pieno recupero della normalità e di un ritrovato senso civico”. Alla manifestazione di questa mattina, oltre a tanti cittadini, hanno vestito i panni di spazzini per un giorno anche i ragazzi della “Giovane Italia” e dell'associazione “Garden Club Stabia”, a cui si sono poi uniti anche i tre ex operai dell'indotto Fincantieri che già nelle settimane di luglio e agosto avevano spontaneamente avviato una capillare azione di ripulitura del litorale cittadino.

“I 'sabati ecologici' arriveranno ben presto anche nelle scuole”, hanno continuato Bobbio e Coppola, “per avviare un più ampio progetto di sensibilizzazione ambientale che coinvolga non solo gli studenti, ma anche le loro famiglie. L'Amministrazione comunale, inoltre, nei prossimi giorni, avvierà una vera e propria campagna di 'reclutamento' tra i cittadini per partecipare alle future iniziative di difesa dell'ambiente a Castellammare e per veicolare un principio basilare di ogni buona Amministrazione pubblica: la partecipazione allargata per la tutela della salute pubblica e del decoro urbano”. “Questa iniziativa ha anche il valore di un appello alla città: la mia Amministrazione, come ha dimostrato in occasione della coraggiosa operazione di fusione tra Asm e Multiservizi per il salvataggio dei posti di lavoro e per il recupero di efficienza del servizio, sta promuovendo tutte le iniziative necessarie per quanto di sua competenza a riportare la città ai più alti livelli di decoro e civiltà nell'interesse primario dei cittadini”, ha sottolineato il sindaco Bobbio.

“Nessuna iniziativa, però, può prescindere, per il raggiungimento di questi obiettivi, dalla collaborazione delle gente. I sabati ecologici servono proprio a sensibilizzare ogni stabiese circa il fatto che la città non potrà mai tornare alla normalità e al decoro che le sono propri, senza l'aiuto di tutti, nonostante ogni sforzo messo in campo dall'Amministrazione comunale. Occorre, infatti, che la genti torni a rispettare in massa gli orari di conferimento dei rifiuti, pratichi sistematicamente la raccolta differenziata ed eviti di sporcare la città, abbandonando ogni sorta di rifiuti per strada, o in improvvisate discariche abusive. Sono certo”, ha concluso il sindaco Bobbio, “conoscendo l'amore degli stabiesi per la loro città, che il mio appello non resterà inascoltato. L'Amministrazione comunale, dopo decenni, è tornata a fare la sua parte, mi affido ai cittadini perché facciano la loro”.