Esercito. In campo per il “Mole Pit 2010”

La Divisione “Acqui sta svolgendo presso il Comprensorio Militare di Persano, l’Esercitazione “Mole Pit 2010”, rivestendo il ruolo di Comando Operativo in ambito Unione Europea. Alle dipendenze della Divisione “Acqui” sono stati posti Comandi dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica. L’attività oltre che testare, ancora una volta, questa “nuova” struttura di Comando e Controllo Europea, sperimenta nuove soluzioni organizzative studiate per essere più aderenti alle realtà operative. Fra queste, la costituzione di un Comando Logistico interforze e multinazionale, come definito in ambito dottrina Nato “Joint Logistic Support Group – JLSG”.

L’obbiettivo principale della “Mole Pit” è quello di pianificare un’operazione in una regione fittizia, dove è in atto un conflitto fra Stati che ha destabilizzato l’area causando un elevatissimo numero di profughi e deteriorandone la già critica situazione economica. In aggiunta alle attività di pianificazione, vengono condotti addestramenti mirati a verificare i dispositivi di sicurezza e di protezione del posto comando, nei quali vengono impiegati unità di fanteria, elicotteri, polizia militare, “close protection team” ed assetti del gruppo cinofili dell’Esercito. In zona campo, a Persano (SA) sono presenti più di 300 uomini, compreso il personale proveniente dalle altre Forze Armate (Marina, Aereonautica e Carabinieri).

L’Esercitazione “Mole Pit”, della quale una prima fase si è svolta lo scorso marzo, si inquadra nel complesso processo di certificazione, volto a garantire all’Unione Europea un Comando Operativo, la Divisione “Acqui”appunto, per eventuali interventi militari previsti nell’ambito delle missioni di Petersberg.