ASL. Il PDL salernitano alla regione contro De Simone

I consiglieri regionali del PdL salernitano Giovanni Baldi, Monica Paolino (nella foto), Eva Longo e Giovanni Fortunato, a seguito della riconferma del commissario dell’Asl di Salerno Francesco De Simone da parte del Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, dichiarano quanto segue: “La riconferma di De Simone non è altro che la dimostrazione che il massimo responsabile della Sanità campana, On.Ciriaco De Mita, continua a condizionare la politica della nostra regione. Una politica, responsabile di aver svenduto questo territorio stringendolo nella morsa di una gestione clientelare e ormai superata. De Simone ha dimostrato di essere ostaggio di una politica vecchia, che non ha prodotto niente, che ha agito in solitudine senza mai confrontarsi con il territorio e le reali esigenze di quest’ultimo, dettando legge pur non avendo i consensi.

De Simone ha accumulato, infatti, ulteriori debiti e ha pensato di effettuare nomine clientelari legate all’UDC di De Mita, senza affrontare minimamente il miglioramento dei servizi ospedalieri della nostra terra. Ci saremmo aspettati, pertanto, la nomina di un nuovo commissario capace di risolvere i disastri provocati e aggravati in questi anni dal PD di De Mita. Per questi motivi, abbandoniamo il gruppo PdL in Regione Campania perché riteniamo di non essere stati tutelati a sufficienza, fermo restando la nostra appartenenza al partito nazionale e la conferma della leadership del presidente Berlusconi. Stesso ragionamento vale per il partito campano da cui ci aspettiamo con immediatezza una presa di distanza da questa politica scellerata della Giunta regionale”.