Angri. Scuola. Si dimette l’assessore Barba

Uno scossone inaspettato per l’esecutivo Mauri. L’assessore alle politiche scolastiche Caterina Barba si dimette e rimette la sua delega nelle mani del primo cittadino Pasquale Mauri. Le motivazioni che hanno portato Barba alle dimissioni sono la conseguenza del ritiro della delibera che doveva attuare il dimensionamento delle scuole ad Angri con la conseguenza dell’accorpamento del III circolo didattico alla SMS “Galvani” e della III scuola media “Don Enrico Smaldone” con la SMS “Opromolla”.

Conncetivia voucher 2,5

Una delibera che ha generato un vero e proprio putiferio tra gli addetti ai lavori e i politici. Sentita dalla nostra redazione Barba ha telegraficamente espresso la sua opinione circa il dietro – front dell’amministrazione: ‹‹Non ci sono più le premesse per continuare›› ha dichiarato l’assessore, che nei prossimi giorni dovrebbe ampiamente illustrare le motivazioni della sua decisione. Un atto di coerenza quello di Barba.

La giovane assessore già al suo insediamento, la scorsa primavera, aveva manifestato la volontà, non remota, di rivedere gli assetti delle strutture scolastiche preesistenti e di razionalizzarle. Una scelta che, forse, non è sicuramente piaciuta a qualche “barone” ancora interessato alla vita di qualche direzione didattica e ha, prontamente, innescato,ad orologeria, la polemica sulle cifre. Quelle stesse cifre che avrebbero portato, a giusta guisa, alla decisione del dimensionamento, ora bloccato dal primo cittadino Mauri che deve registrare le dimissioni di Barba.