Pompei. Indagini serrate sugli scavi

Il crollo delle Domus nel mirino della giustizia. Nell’ultimo week end le fiamme gialle di Torre Annunziata hanno sequestrato nuovi atti in merito alla ristrutturazione del Teatro Grande (costato 5 milioni di euro) e per i chiacchierati corsi di formazione per il personale, costato la cifra di ben 770mila euro. I eri presso il sito archeologico sono arrivati i carabinieri, su disposizione del tribunale di Torre Annunziata, che hanno sequestrato atti relativi ai crolli delle Domus.

Sopralluoghi e indagini suppletive per cercare nuovi elementi per risalire, con concretezza, ad eventuali responsabilità sui crolli che hanno messo alla berlina mondiale il governo italiano e il sito archeologico più visitato al mondo. Sono complessivamente tre le indagini condotte dagli inquirenti. Si spulciano soprattutto i conti, dal 28 agosto 2008 fino allo scorso luglio. Intanto dopo il Colosseo, preso in cura dal gruppo Della Valle, anche il sito pompeiano attira gli imprenditori italiani. Viene da Aurelio de Laurentis l’idea di un parco a tema che dovrebbe coinvolgere nel progetto 200 industriali. Per ora è un’idea interessante che tiene lontano la politica.