Pompei. Agente per la vita durante il servizio

Arresto cardiocircolatorio, questo il responso dei medici della clinica Maria Rosaria di Pompei, che ne hanno constatato il decesso del vigile urbano Luigi Falanga di 55 anni,originario della città alle pendici del Vesuvio. Il fatto è accaduto sabato sera mentre il pubblico ufficiale stava pattugliando, assieme ad altri colleghi, una delle vie principali della cittadina, alla vista della polizia municipale, gli extracomunitari si sono dati alla fuga ne è nato un breve inseguimento a piedi conclusosi con il fermo degli ambulanti condotti al comando per le pratiche di rito. A quel punto il vigile ha avvertito un malore, venendo subito accompagnato dai colleghi nella vicina clinica Maria Rosaria dove è giunto già privo di vita.

La notizia della morte del vigile è stata accolta con commozione a Pompei. "Era una persona molto attento a far rispettare gli ordini impartiti e a reprimere ogni forma di illegalità sul lavoro – dice il sindaco Claudio D'Alessio parlando di Falanga , Purtroppo la presenza massiccia di vu cumprà ogni giorno è quasi una costante nel centro di Pompei.

Gli immigrati arrivano in numero ingente anche dai comuni vicini e inondano i marciapiedi con la loro merce. Su questo noi interveniamo sia perché quella offerta è il più delle volte merce contraffatta, sia a salvaguardia dell'immagine e del decoro della città". Non c'è nulla che vada nella direzione dell' intolleranza in un luogo che si rifà all'insegnamento del beato Bartolo Longo e in una città di fede, Pompei non cambierà il proprio atteggiamento dopo questa disgrazia, sono le parole del primo cittadino Claudio D'Alessio.
JeanFranck Parlati