Angri. Viabilità. Ancora dibattito sulla ZTL

Si registra una nuova accesa discussione sulla ZTL. Sono tanti i punti di divergenza sulle modalità di attuazione della chiacchierata zona a traffico limitato tra via Amendola e via Incoronati voluta fin dai primi mesi di insediamento dell’attuale amministrazione comunale, la scorsa estate. A tornare sulla questione è il capogruppo consiliare del PD Cosimo Ferraioli, che sottolinea la promessa fatta dal sindaco Mauri nell’ultimo consiglio comunale, di indire un referendum per sancire l’eventuale aumento dell’orario di vigenza della zona a traffico limitato. Un impegno preso dal primo cittadino e della sua maggioranza nel corso dell’ultima assise cittadina un mese a mezzo fa.

«La maggioranza e l’opposizione – dice Cosimo Ferraioli – pare siano d’accordo sull’opportunità di chiudere al traffico l’intero centro storico, soltanto dopo la creazione di nuove are di sosta. La chiusura di un paio di strade non può essere condivisibile, anche perché non ha comportato un grande effetto benefico alla viabilità cittadina, ma ha prodotto soltanto disagi ad alcuni commercianti, come denunciato proprio dagli stessi». Gli fa eco il sindaco Pasquale Mauri che preannuncia una nuovo provvedimento, seppure sine die ed in via sperimentale, da attuare in vista della stagione estiva. ‹‹Saranno concertate idonee verifiche e ricerche finalizzate ad accertare l’impatto che il provvedimento ha avuto e che detiene sulle attività commerciali e sull’economia generale, afferma Mauri ››.

Con la rimodulazione della ZTL l’accessibilità nel centro storico cittadino sarà consentita fino alle ore 19,00 dei giorni feriali e dovrebbe restare off limits al traffico veicolare nei fine settimana, questo almeno fino a settembre. Una soluzione che, almeno in apparenza, dovrebbe accontentare tutti, senza non avere generato nuove e immancabili osservazioni sempre legate ad una scelta alquanto drastica. Una questione, quella ZTL, che ha visto coinvolte tutte le forze politiche cittadine. Per il PDL la forte penalizzazione creatasi con l’instaurazione della Zona a traffico limitato ‹‹ha prodotto una situazione di degrado economico e sociale, riducendo una delle zone più floride commercialmente ad un ghetto malfamato e solitario››.
Luciano Verdoliva