Pagani. Politica. Verso lo scioglimento del consiglio.

Sulla vicenda Pagani il presidente della Provincia di Salerno, Edmondo Cirielli prende tempo ed aspetta che il tribunale del riesame si pronunci il prossimo 5 agosto sulla possibilità di concedere misure meno restrittive per l’ex sindaco Alberico Gambino e gli altri politici del PDL finiti nelle maglie dell’operazione “Linea d’Ombra”. Giovedì prossimo a Salerno è prevista una riunione dei consiglieri comunali del PDL e il facente funzione Fabio Petrelli con i coordinatori provinciali partito del predellino Antonio Mauro Russo e Antonio Iannone.

Non è escluso che la vertice possa prendere parte anche una rappresentanza degli otto consiglieri comunali riferenti di Salvatore Bottone che da qualche mese si sono allontanati dalla maggioranza. Un summit che potrebbe portare alle dimissioni in blocco dopo la data dell’esito del riesame. La commissione d’accesso a Palazzo San Carlo ha innescato un meccanismo di auto destituzione volontaria di molti consiglieri e assessori. Anche lo stesso Petrelli avrebbe manifestato riserve circa la continuazione del mandato affidatogli proprio su volere di Gambino. Le sue dimissioni però aprirebbero la strada per il commissariamento. Per lo scioglimento anticipato servono le dimissioni in blocco dei consiglieri di maggioranza che hanno già ricevuto l’input dai vertici regionali e nazionali del partito che hanno chiesto ufficialmente lo scioglimento del consiglio comunale di Pagani. Cirielli potrebbe dire la sua già venerdì prossimo.

Agro24Spot