Nocera Inferiore. Truffa alle assicurazioni. 550 indagati

Una nuova inchiesta del tribunale di Napoli per i reati consumati nel vesuviano da un avvocato torrese, estesi anche all’agro nocerino sarnese. 550 sono gli indagati nella maxi truffa assicurativa, tutti residenti tra le due popolose aree del comprensorio Agro, persone che si vedranno recapitare nei prossimi mesi l’avviso di conclusione delle indagini. Il PM nocerino Elena Guarino aveva chiesto l’arresto di ben 165 persone, poi l’evoluzione dell’indagine, quando il Gip Donatella Mancini si è dichiarata incompetente per i reati commessi nei paesi vesuviani e Napoli, inviando gli atti delle indagini alla Procura Napoletana. Sarebbero quattro le organizzazioni criminali dedite alale truffe assicurative, ognuna di esse, secondo la Procura, sarebbe capeggiata da un avvocato, per i quali proprio il sostituto procuratore aveva chiesto al custodia cautelare, rigettata dal giudice preliminare.

Tra i 550 indagati, professionisti, medici, infermieri, prestanome e falsi testimoni, tutti finiti nella lente degli investigatori. A Nocera Inferiore resterà il fascicolo dell’inchiesta che riguarda i tre avvocati che fanno parte del foro competente. Anche per questi il PM aveva chiesto la detenzione, negata soltanto per esigenze dovute al tempo trascorso dopo la richiesta di custodia cautelare. Ora è lotta contro il tempo per evitare che molti dei reati cadano in prescrizione prima che si arrivi ad una pronuncia definitiva, che deve delinearsi anche attraverso il sequestro di ingenti mole di fascicoli, molti dei quali sequestrati ben due anni fa.