Salerno. Savastano (Pd) aggredisce Mauro Russo (Pdl)

La politica mena le mani. Da tempo sindaci, qualcuno anche consigliere provinciale, ha inaugurato questa strategia dei “paccheri” per far valere le proprie ragioni, buone o cattive che esse siano. Una politica intimidatrice che divide in maniera preoccupante i cittadini dai loro amministratori, quelli che hanno votato. Nelle ultime ore il livello di guardia si è fatto ancora più preoccupante. A Salerno il coordinatore provinciale del Pdl, Antonio Mauro Russo, ha denunciato di essere stato aggredito dall’assessore comunale e consigliere provinciale del Pd, Nino Savastano.

«Eravamo a pochi metri da palazzo Sant’Agostino – ha raccontato Russo – quando ho visto Savastano affiggere dei manifesti fuori dagli appositi spazi. Ho richiamato l’attenzione di alcuni vigili urbani ma non è intervenuto nessuno. A quel punto ho cominciato a filmare la scena con lo smartphone prima di essere malmenato da Savastano». Russo successivamente è stato accompagnato e medicato in ospedale e ha annunciato che presenterà querela contro l’esponente della giunta De Luca. Per il Presidente della Provincia di Salerno si tratta di « una vile aggressione con modalità camorristiche ».

Aggiungendo «Auspico che il consiglio provinciale condanni tale gesto delinquenziale e che il sindaco prenda adeguati provvedimenti nei confronti del suo assessore», Cirielli continua «Purtroppo, questo imbarbarimento è la conseguenza di una certa politica che mira unicamente alla infamia gratuita e alla denigrazione rancorosa, senza alcuna remora nel calpestare in modo ignobile la dignità delle persone. Da qui all’istigazione alla violenza, soprattutto per i più giovani, il passo è breve».