Sarno. Inchiesta interna sulle spese giudiziare

Veleni e tensioni a Sarno, si sono acuiti da quando il sindaco Amilcare Mancusi, attraverso una precisa disposizione rimessa al segretario generale, ha chiesto di verificare alcune spese sostenute dal comune, soprattutto viene chiesto se ci sono margini di recupero delle spese sostenute dall’ente nell’ambito di tutti i procedimenti giudiziari, penali e civili, legati alle vicende e alle inchieste sui chioschi e sull’Ispersisa. Inchieste per le quali il comune ha dovuto sostenere onerose spese legali di difesa per far confermare, poi, in sede giudiziaria il legittimo operato di funzionari e tecnici comunali addetti ai procedimenti.

L’inchiesta interna dovrà appurare se vi siano precise responsabilità da parte della Polizia Locale, anche per potere giustificare i costi alla Corte dei Conti e se vi sia, nel caso di nesso casuale, la possibilità di recuperare le spese effettuate, dall’ente cittadino, dai diretti interessati. Un procedimento interno che si prospetta, comunque, molto complesso, che potrebbe mettere in discussione e sindacare sull’esercizio delle funzioni inquirenti della Polizia Locale. Intanto il primo cittadino porta il comandante della Polizia Locale, Mari, in sede giudiziaria dopo una serie di verbali a suo carico per divieto di sosta in Piazza Municipio, pur essendoci un delibera di giunta che esentava il sindaco dall’obbligo.