Gruppo AR. La Mitsubishi acquisisce il 51% del gruppo

Il grande colosso agro alimentare vanto dell’Agro Nocerino Sarnese, della regione e dell’intera nazione cambia bandiera. Un altro pezzo dell’alimentare italiano diventa parte integrante dei brand esteri, anche se la nuova proprietà assicurerà la moltiplicazione e le capacità distributive aprendo ai nuovi mercati. Ar Industrie Alimentari, quel gruppo fondato dall’intraprendente imprenditore abatese Antonino Russo, considerato il primo produttore italiano di pomodoro pelati, che passa sotto il controllo della società anglo-nipponica Princes Ltd, brand del gigante Mitsubishi corporation. Princes era già presente da 10 anni nell'azionariato di AR Alimentari con una quota del 7%, ma nei giorni scorsi ha firmato un accordo che porta le quote azionarie al 51% per cento.

AR Alimentari, attraverso Cofinvest, è controllata dall'imprenditore abatese Antonino Russo, 81 anni il prossimo 11 febbraio, che, in 50 anni, ha costruito l'impero del pomodoro: circa 300 milioni di fatturato, con stabilimenti dislocati in Campania e in Puglia a Borgo Incoronata, a due passi da Foggia. Solo il 20% delle vendite del gruppo è realizzato in Italia, il resto del suo mercato viene effettuato in Inghilterra, Germania, Francia e Africa.

Il nuovo socio di maggioranza è la Princes controllata, da oltre 30 anni, da Mitsubishi corporation che in questo periodo ha realizzato 22 acquisizioni, e dispone di 11 stabilimenti, fattura 1,6 miliardi, di cui metà con marchi propri, e si colloca nel novero delle società europee a maggiore crescita.

Secondo quanto riportato anche da “Il Sole 24 Ore”, tra i motivi della cessione ci sarebbe anche l’investimento, un’ottantina di milioni, per la costruzione del mega stabilimento di Foggia, tra i più grandi e moderni d'Europa, che avrebbero creato qualche criticità finanziaria al gruppo abatese. E in un settore dove i margini oramai sono molto risicati.