Scafati. Petizione per il ripristino del “Pronto Soccorso”

I fulmini della protesta su Pasquale Aliberti il sindaco di Scafati. Sul social network facebook parte il “tam tam” per le firme della lettera indirizzata ai responsabili regionali della sanità campana per riportare l’attenzione sulla spinosa questione della chiusura dello “Scarlato”. Nonostante la città di Scafati da sola conta più di 60 mila abitanti e abbia in consiglio regionale una rappresentante cittadina, Monica Paolino, che siede tra i banchi della maggioranza consiliare, la struttura nosocomiale è stata privata anche del primo soccorso ora semplice “Psaut”.

La politica cittadina si muove poco sulla drammatica questione, allora si mobilitano, su facebook i comitati “Mauro Scarlato” e “Ospedale di Scafati. No alla chiusura” nella lettera petizione vogliono riportare alla ribalta pubblica la drammatica situazione della struttura. Nella premessa viene posto l’accento sulla delibera numero 640 del 30 giugno 2011, con la quale il commissario Maurizio Bortoletti approvava il piano attuativo aziendale prediligendo, secondo calcoli chilometrici assurdi, come unico pronto soccorso la struttura dell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore. Valutazioni errate secondo i promotori che nella stessa lettera petizione chiedono un organizzazione differente e più efficace della struttura scafatese.