Angri. Un parco dedicato al piccolo “Nellino”

Quando il piccolo Nellino Ingenito perse la vita dopo un tragico incidente, a soli 10 anni, la madre e i familiari del piccolo, seppure costernati dall’immenso dolore ebbero la grande forza d’animo, di affidare il suo piccolo cuoricino e gli altri organi alla competenza dei sanitari che ridiedero vita e speranza a ben tre persone che vissero anche per il piccolo riccioluto biondino. Allora il parroco della Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli Don Luigi La Mura, ieri presente alla cerimonia, aprì una profonda riflessione con gli studenti del liceo scientifico, permeato sul profondo significato del dono della vita, in ogni sua possibile accezione. Al piccolo Nellino, figlio del compianto maresciallo dei caschi bianchi locali, Nicola, fu dedicato un epitaffio pregno di significato, che potesse, in qualche modo concettualizzare, la continuazione tra la vita e la morte: “un cuore per la vita”.

Conncetivia voucher 2,5

Ora quel piccolo cuore pulsa ancora più incessante, e tanto, nel realizzato parco giochi in località Parco Amore. A volere scolpire una traccia indelebile, ricordare il piccolo “Nellino”, l’angelo del cuore, strappato acerbamente alla gioia della vita, è stata la profonda sensibilità del giovane titolare della “Caffetteria Amore” Nello Annarumma, che ha voluto intitolare il parco giochi al piccolo Nellino Ingenito. Una nobile iniziativa privata su uno spazio pubblico, esempio per la comunità intera che potrà usufruire di questo spazio ludico, realizzato per i cittadini di domani.
“Ringrazio il giovane titolare della “Caffetteria Amore” con cui si è potuto realizzare questa sinergia pubblico – privato – ha dichiarato commosso il Sindaco di Angri. – Grazie a questa collaborazione oggi il Comune di Angri beneficia della realizzazione gratuita di un parco giochi per bambini e di un canone mensile di 5000 euro annui, mentre il giovane imprenditore angrese può ospitare all'aperto, in una splendida area verde”. Ora tanti bambini potranno giocare anche per il piccolo Nellino.
Luciano Verdoliva