Salerno. In liquidazione la CSTP. Il 12 aprile la prima fase

Termina nel peggiore dei modi la storica azienda della Cstp S.p.A., una volta Atacs. Il requiem lo ha sancito, anche in modo scontato, per la voragine di debiti accumulati dall’azienda di Piazza Lucani, dall’Assemblea dei soci che si è pronunciata negativamente per la ricapitalizzazione, delibera, di fatto, la messa in liquidazione della società. Dopo l’Assemblea, il Consiglio di Amministrazione della Cstp S.p.A. si è riunito ad horas per convocare l’Assemblea straordinaria che dovrà nominare uno o più liquidatori con l’attribuzione del mandato. Fino a quella data il servizio proseguirà senza interruzione, così come indicato dai soci azionisti prima di sciogliere l’Assemblea, prevista ai sensi dell’art. 2484 del codice civile. L’Assemblea straordinaria è stata convocata per il 12 aprile, alle ore 10. Hanno partecipato all’Assemblea, oltre agli azionisti di maggioranza Provincia di Salerno con l’Assessore Adriano Bellacosa e il Comune di Salerno con l’Assessore Luca Cascone, i comuni soci di Cava dei Tirreni, Pontecagnano Faiano, Angri, Nocera Superiore, Baronissi, Sant’Egidio del Monte Albino, Roccapiemonte, Vietri sul Mare, Fisciano, Sarno, Mercato San Severino e Pagani. A redigere il verbale dell’Assemblea, il notaio Francesco Coppa.