Angri. Secondo caso di meningite. Muore 70enne

Potrebbe essere un focolaio di meningite ad Angri, è il secondo caso in meno di venti giorni: scatta l’allarme. Potrebbe trattarsi di una semplice coincidenza, ma dopo il decesso della settantunenne, Anna Del Pezzo, aumenta la preoccupazione in città. I volontari dell’associazione “Castello”, che opera per il servizio di urgenza ed emergenza medica 118, ieri l’altro hanno trasportato l’anziana presso l’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, poi, a causa della criticità della situazione, è stato disposto il suo trasferimento presso l’azienda ospedaliera Domenico Cotugno di Napoli, dove, però, i sanitari nulla hanno potuto: la donna, infatti, è deceduta nella stessa giornata.

Solo qualche settimana fa un quarantacinquenne angrese, residente in via Lazio, è stato trasportato presso l’ospedale San Leonardo di Salerno. L’uomo, a cui è stata diagnosticata la meningite, fortunatamente, è fuori pericolo. Sono in corso i protocolli di profilassi per isolare e per evitare la trasmissione della meningite a chi ha avuto contatti stretti con i malati. Infatti è prassi obbligatoria per chi ha avuto contatti con una persona affetta da meningite effettuare una profilassi con antibiotici. Preoccupano i due casi di meningite, visto che si sono riscontrati in due diverse zone della città: Corso Vittorio Emanuele, e in via Lazio. Il meningococco, non di rado, origina focolari epidemici. Si attendono quindi indicazioni, quindi, da parte della competente Asl.