Sarno. A caccia di oltre 2000 abitazioni fantasma

Saranno accatastati d’ufficio, in caso di inadempimento dei titolari, le migliaia di immobili “fantasma” sconosciuti all’erario. Quelli accertati a Sarno sarebbero ben 2012. Costruzioni non dichiarate rilevate attraverso la tecnica rilievi aerofotogrammetrici, dati comparati con quelli pregressi. Costruzioni completate, o ancora in via di realizzazione, che danno l’esatta percezione anche dell’assenza di un piano regolatore per lo sviluppo del territorio, spesso frutto di abusivismo spinto o di centinaia di pratiche di condono edilizio inevase.

Oltre duemila soggetti non hanno, poi, completato la pratica procedurale per legalizzare definitivamente i nuovi immobili, ma anche dalla mancata iscrizione all’anagrafe dei tributi comunali, conseguenza del mancato accatastamento, e sinonimo di evasione tributaria. La Tarsu, infatti, si fonda sull’elezione del domicilio. L’iscrizione a ruolo degli immobili fantasma significa anche stanare una fetta consistente di evasori. Per l’Agenzia del Territorio, resta tutta da verificare anche la destinazione d’uso di 476 fabbricati rurali che hanno perso la loro caratteristica di ruralità oggettiva o soggettiva.