Angri. L’amministrazione omaggia il Prefetto Postiglione

Ha consegnato una targa ricordo al Prefetto di Palermo Umberto Postiglione, già primo cittadino di Angri tra il 1995 e il 2004, lo ha fatto in nome dell’attuale amministrazione comunale, Domenico d’Auria, il consigliere comunale che ha accompagnato, insieme 30 alunni, scelti tra le “eccellenze” delle classi quarte del Liceo La Mura, in terra siciliana, a termine di un interessante ed articolato progetto alla legalità che ha visto gemellato l’istituto angrese con quello palermitano “Cannizzari”. Il progetto Pon " Le(g)ali al sud": educazione alla legalità e cittadinanza, è stato un momento importante per l’incontro con il prefetto Postiglione. I ragazzi, accompagnati dai loro docenti, i professori Pietro Vitiello e Stefania Giombini ed ai rappresentanti dei due comuni gemellati con l’istituto palermitano, Angri e Sant’Antonio Abate, presente con Giovanni Amitrano, sono stati ricevuti lungamente da Postiglione in Prefettura. Postiglione dopo vare guidato l’ente angrese, è stato anche, tra l’altro Prefetto di Agrigento.

A Palermo da un anno, appena insediatosi affermo che, avrebbe usato tutta la sua esperienza campana per guidare una delle città più difficili d’Italia. Sua anche la recente proposta di vendere i beni confiscati che non vengono utilizzati, allo scopo di “fare cassa” e che il ricavato dovrebbe essere utilizzato per opere di utilità sociale pubblica. Retaggio politico per l’ex sindaco angrese che viene ancora oggi rimpianto da gran parte dei suoi concittadini. La tappa in Prefettura per la carovana campana è stata solo una delle numerose tappe del viaggio studio fatto dai partecipanti al progetto che li ha visto coinvolti anche in una full immersion, un percorso formativo negli uffici comunali dove hanno potuto capire, in prima persona, i meccanismi che regolano il “sistema comune”, le sue dinamiche burocratiche, i suoi imprescindibili meccanismi, nell’ottica della trasparenza, della legalità e della partecipazione. Luciano Verdoliva