Angri. Cade e si ferisce nel cimitero

Ad appena due settimane dall’ultimo preoccupante incidente avvenuto nel perimerto del sacrario cittadino, nella giornata di ieri un altra donna è rimasta vittima di una rovinosa caduta mentre accedeva dall’ingresso secondario del cimitero da Via Badia, sul lato destro del lungo viale.

La donna D.S.A.1964 si era recata al cimitero per una visita ai suoi cari defunti quando sarebbe inciampata rovinosamente su una barra di bachelite usata per gli ornamenti delle tombe e forse, per una mera disattenzione, dimenticata sul luogo dopo uno delle numerose esumazioni quotidiane effettuate dal personale addetto.

La caduta ha procurato alla donna una ferita lacero contusa alla gamba sinistra, alla quale i sanitari accorsi hanno apposto apposti ben sei punti di sutura. Soccorsa immediatamente dal personale medico e paramedicio del 118 “Castello” la donna è stata trasportata in via precauzionale, secondo il codice protocollare dell’emergenza, nel vicino pronto soccorso per la medicazione del caso. Già lo scorso 2 novembre una rovinosa caduta mise a repentaglio la vita di M. B., l’ottantatreenne che, dopo essere scivolata sul ciglio delle scale umide, batté la testa.

Per lei i sanitari riscontrarono un trauma cranico riservandosi la prognosi. Sulla sicurezza nel cimitero cittadino si sta interessando il neo direttore Alfonso Toscano. Una verifica dettagliata del responsabile della sicurezza, avrebbe accertato che il sacrario non presenta particolari situazioni critiche, situazioni del genere rientrerebbero nella casualità, che questa volta si è ripetuta in breve tempo. Luciano Verdoliva