Nocera Superiore. L’opposizione: “Intervenga il Prefetto”

«La città di Nocera Superiore versa in uno stato di profonda agonia, intervenga il Prefetto». Questo il monito del consigliere di minoranza Enzo Rispoli che evidenzia che da mesi il Comune è senza giunta comunale. L'esecutivo era stato azzerato a fine gennaio, ma già nei mesi precedenti, secondo quanto riferisce l'esponente dell'opposizione, l'esecutivo non si riuniva. «Nocera Superiore sta vivendo la pagina più buia della sua vita politica -scrive il rappresentante del gruppo "Uniti e Liberi"-. Da un sistema di democrazia partecipata siamo precipitati in un passato poco piacevole. Sembra di essere tornati al 1927, quando gli organi democratici dei Comuni furono soppressi e tutte le funzioni della Giunta e del Consiglio Comunale furono trasferite al potestà».

Durissima la presa di posizione del consigliere comunale di opposizione che parla di mancanza di «democrazia e trasparenza» ed evidenzia la fase di stallo in cui versa la macchina comunale. «La buona politica, fa della dignità, della decenza, dell’onestà intellettuale i suoi baluardi -tuona Rispoli-. Qualcuno, invece, ha lasciato che la boria, il disprezzo dei diritti dei cittadini e dei lavoratori, la strafottenza, il privilegio, gli interessi personali abbattessero questi baluardi. Questi signori, con il loro fare hanno portato la Città di Nocera Superiore in uno stato di agonia». Per il consigliere di minoranza «la misura è colma e l’unica cosa da fare è quella di rivolgersi al prefetto per far sì che si ponga fine a questo stato di cose».