Pagani. Parte la corsa alle candidature

Nonostante le incognite sulla data delle future elezioni amministrative, nella città di Pagani impazza il toto-candidature. Non è ancora chiaro se i paganesi torneranno alle urne nella primavera del 2014 o già nel prossimo autunno, a ridosso della scandenza del commissariamento ma alcuni esponenti politici hanno già messo in moto la loro macchina elettorale. Il primo a sciogliere le riserve e ad annunciare la sua discesa in campo è stato Salvatore Fiore, già presidente del consiglio comunale nella prima amministrazione Donato. Il medico paganese che nel 1998 tentò la conquista dello scranno più alto di palazzo San Carlo sotto il simbolo di Rifondazione Comunista, stavolta si presenterà con un cartello civico. Ha rotto gli indugi anche l'ex consigliere comunale Pietro Pisacane che ha annunciato la sua decisione di candidarsi con una lista civica trasversale.

Ha da tempo, ormai, espresso il suo desiderio di tente la conquista della fascia tricolore il consigliere provinciale del Pdl Massimo D’Onofrio. Nel centrodestra, però, circolano anche altri nomi. Potrebbe scendere l'ex sindaco facente funzioni Fabio Petrelli, anche se circola con insistenza la voce di un suo possibile passo indietro in favore della candidatura di Enzo Campitiello ex assessore al bilancio della giunta Gambino. Due i papabili candidati in seno a Fratelli d’Italia: gli ex assessori Aldo Cascone e Pasquale Sorrentino. Allontanatosi dal centrodestra, l'ex sindaco facente funzioni e consigoleire provinciale Salvatore Bottone sarebbe pronto a proporsi con un raggruppamento di centro.

La situazione appare più intricata nel centrosinistra, il Pd potrebbe ricorrere alle primarie per individuare l'uomo giusto da proporre come candidato a sindaco. Alla consultazione potrebbero aderire anche i socialisti e l’Udc. A sinistra discussione aperta tra Sel, il Movimento Civico "Impegno per la Città", Idv e Federazione della sinistra. Antonio Donato, Riccardo Christian Falcone, Carlo Tortora e Gerardo Petti i papabili per guidare la coalizione di sinistra. Resta in fine da valutare la posizione del Movimento Cinque Stelle alla ricerca di un candidato dopo l’ottima affermazione delle ultime elezioni politiche.
Tiziana Zurro