Pagani. Rifiuti. Siani contro la triade

«Giudico incomprensibile la scelta dei commissari straordinari del Comune di Pagani di versare direttamente gli stipendi agli operatori», così il commissario liquidatore del Consorzio di bacino Salerno 1 Fabio Siani, commenta la decisione della triade commissariale di trattenere 100 mila euro dalla rimessa mensile per versare le spettanze ai lavoratori in forza al cantiere di Pagani. Una mossa che non è piaciuta a Siani che non nasconde la sua amarezza per l'atteggiamento assunto dai commissari straordinari.

«Non riesco a capire le ragioni di questa scelta – ha tuonato -. Avevo comunicato ai commissari che se avessero versato i 100 mila euro che hanno trattenuto dal canone mensile avremmo pagato le spettanze ai lavoratori. Invece, nonostante, mi fossi assunto questo impegno da Pagani sono arrivati solo 146 mila euro, a fronte dei 250 mila euro previsti». Siani non manca di evidenziare, infine, che il Comune di Pagani ha maturato un «enorme debito nei confronti del Consorzio» e che da palazzo San Carlo arrivano «solo 250 mila euro a fronte di una rimessa mensile da 380 mila euro».