Angri. Il consigliere provinciale Mauri tra accuse e mancate aspettative

Mauri attacca decisamente l’ex presidente della Provincia Edmondo Cirielli, dopo l’interrogazione parlamentare prodotta dal parlamentare sulla drammatica situazione di degrado ambientale angrese. Mauri cerca di difendersi attaccando la mancata azione della Provincia sul territorio cittadino quasi a volere distogliere l’attenzione dal drammatico problema: “Non capisco invece la voglia di polemica politica su una vicenda in cui tutti i veri rappresentanti di questo territorio, coloro che dovrebbero difenderlo davvero, potrebbero attivarsi per l'invio di risorse economiche straordinarie. Se Angri vuole dimenticarsi dei prefabbricati, ognuno deve fare la sua parte. E quelli che oggi fanno allarmismo inutile e controproducente farebbero bene a fare qualcosa di concreto per la nostra comunità, alla quale ad ogni elezione vengono a chiedere i voti. Hanno già dimostrato in passato che, una volta eletti, invece di aiutarci, addirittura ci ostacolano. Come quando ci hanno tolto risorse già stanziate nel bilancio della Provincia di Salerno per la ricostruzione del Ponte di Via Fontane e per la bretella pedemontana Angri-Corbara, mandandole nel Cilento”.

Proprio il sindaco Mauri, però, in contraddizione con le sue dichiarazioni, è stato ancora protagonista negativo dell’ultima assise provinciale del 13 maggio scorso, dalla quale mancava da alcuni anni, risultando addirittura, recordman di assenze. L’”aparecido” Mauri ha, infatti, votato negativamente contro il bilancio provinciale lanciando i suoi strali all’indirizzo della maggioranza. Una negazione che inevitabilmente ricade sull’intera comunità cittadina, penalizzata anche dalla mancata azione di Mauri come consigliere provinciale. Il suo ostracismo ha irrimediabilmente compromesso la tanto paventata “filiera” istituzionale auspicata proprio dal vivace sindaco durante le sue due ultime campagne elettorali penalizzando proprio il fronte dei lavori pubblici finanziati dalla Provincia. Durante il suo sindacato sono scomparse risorse economiche importanti, quali: il finanziamento del Ponte di Via delle Fontane, la realizzazione del nuovo Palazzetto del Sport di Via Papa Giovanni XXIII e il rallentamento dei lavori per l’ampliamento dei plessi scolastici di Via Adriana e Via Stabia, dove la palestra attende ancora di essere completata, oramai da oltre tre anni, tanti quanto l’attuale durata del sindacato del solare sindaco angrese.
Luciano Verdoliva