Pagani. Zito & Giorgio vogliono chiarezza sui conti del comune

Chiarezza sui conti del Comune di Pagani: questa la richiesta rivolta alla triade commissariale dall'ex consigliere comunale Antonio Zito e da Alfonso Giorgio dell'Italia dei Valori. I due esponenti del centrosinistra, nei giorni scorsi, hanno protocollato a palazzo San Carlo una nota con la quale chiedono una corposa documentazione relativa anche ai debiti delle società comunali. Atti, che secondo Zito e Giorgio, consentirebbero di fare luce sulle reali condizioni in cui versano le casse del Comune. La situazione economico-finanziaria dell'Ente ha da sempre generato preoccupazioni, ma anche duri scontri tra i diversi schieramenti politici; da un lato c'era chi gridava al dissesto, dall'altro chi parlava di situazione difficile ma non drammatica. Dopo lo scioglimento del Consiglo comunale, i commissari straordinari che si sono succeduti al Comune non hanno mai negato le difficoltà legate alla mancanza di liquidità e alla pesante situazione debitoria ereditata. Secondo Giorgio e Zito è giunta l'ora di fare definitvamente chiarezza, carte alla mano.

Conncetivia voucher 2,5

L'elenco degli atti richiesti è lungo. I due esponenti del centrosinistra chiedono di conoscere i debiti contratti dalla Multiservice, la società sulla quale aleggia il rischio scioglimento. In particolare, si chiedono notizie in merito ai decreti ingiuntivi, ai pignoramenti, agli oneri previdenziali non versati, ai debiti accumulati nei confronti delle società che gestiscono le discariche e nei confronti dei fornitori. Riflettori puntati anche sulle altre due società comunali già sciolte: Fondazione "Pagani città di Santi, Artisti e Mercanti" e Istituzione "Pagani per Tutti"; in questo caso, si chiede di conoscere l'ammontare dei debiti e si invocano chiarimenti sulle strategie adottate per ripianarli. Si passa, poi, alla spinosa questione Consorzio di Bacino Salerno 1. L'ente consortile che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti vanterebbe un credito pari a circa 15 milioni di euro, i due esponenti del centrosinistra chiedono alla commissione di straordinaria di fare luce sul reale debito e sui decreti ingiuntivi già emessi dal Consorzio nei confronti del Comune.

Tra gli atti richiesti figurano, inoltre, gli elenchi dei residui attivi e passivi , i mutui contratti e da onorare e l'elenco dei beni patrimoniali del Comune, alienati e non. Antonio Zito e Alfonso Giorgio invocano poi notizie dettagliate su alcune questioni che stanno paricolarmente a cuore ai cittadini, che hanno versato anche delle somme al Comune per opere non ancora realizzate: è il caso dei loculi cimiteriali e delle cappelle gentilizie. Attenzione rivolta anche agli oneri di urbanizzazione incassati e non impegnati. La nota si chiude con la richiesta di chiarimenti sullo stato economico, patrimoniale e finanziario del Comune: debiti verso terzi, fatture mai pagate, impegni spesa con liquidazioni approntati e mai pagati, l'elenco dei debiti accumulati dal 2002 ad oggi.
Tiziana Zurro