Sant’Egidio del Monte Albino. Prostituta fermata con un 14enne

Si intratteneva con un ragazzino che non ha ancora compiuto quattordici anni, arrestata una prostituta rumena. La trentatreenne, M.C.M. le sue iniziali, nella tarda serata di domenica, è stata sorpresa dai carabinieri della Reparto Territoriale di Nocera Inferiore e dai militari della Tenenza di Pagani, mentre si intratteneva con il ragazzino, in una delle traverse che si aprono lungo la Statale 18, tra Pagani e Sant’Egidio del Monte Albino.

La donna è stata colta in atteggiamento inequivocabile. Quando i carabinieri l’hanno notata lungo la strada, la prostituta stava palpeggiando il minorenne e si lasciava toccare dal giovanissimo. Il “precoce” ragazzino, residente a Pompei, è stato affidato ai genitori, mentre la prostituta è stata ammanettata e trattenuta presso le camere di sicurezza della Tenenza di Pagani, in attesa dl rito direttissimo fissato per questa mattina.

L’arresto è stato messo a segno nell’ambito dei controlli antiprostituzione avviati dall’Arma in tutto l’Agro Nocerino e, in particolare, lungo la Statale 18. L’arteria, soprattutto, nel tratto che attraversa i comuni di Pagani e Sant’Egidio, nelle ore serali, si popola di giovani donne straniere che in abiti succinti attendono i clienti. I militari, però, hanno dichiarato guerra alle lucciole e hanno avviato controlli serrati per arginare il fenomeno e liberare la zona dalla presenza delle meritrici, più volte segnalata anche dai residenti della zona. Nel corso del blitz, sono scattati anche altri provvedimenti che hanno colpito alcune prostitute e i loro clienti.

Una trentasettenne, nata in bulgaria e residente nel napoletano, e’ stata sorpresa mentre era appartata in auto insieme ad un cliente. Per la straniera e per M.G. trentasettenne e’ scattata la denuncia a piede libero per atti osceni. Un’altra prostituta è stata, invece, trovata in possesso di un coltello di genere proibito. La donna, una ventiseienne bulgara, che nascondeva l’arma nella borsetta, e’ stata denunciata per porto abusivo di arma bianca. Per le straniere individuate nel corso del blitz è scattato anche il foglio di via obbligatorio. La settimana scorsa, sempre in via Nazionale a Sant’Egidio, i carabinieri avevano già identificato altre nove prostitute bulgare. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni.