Nocera Superiore. Strumenti di concertazione. L’adunata di Montalbano

Strumenti di concertazione, il sindaco di Nocera Superiore Gaetano Montalbano chiama a raccolta la Provincia e i colleghi sindaci. L'incontro è fissato per lunedì sera alle 19.30 a palazzo di città. «L'obiettivo del summit -spiega in una nota il primo cittadino- è quello favorire il confronto, affinché si possa arrivare ad una condivisione da parte di tutti sul destino della Patto dell'Agro Spa, del Piano di Zona e di AgroInvest». Nelle prossime settimane, sono in calendario gli incontri che segneranno in via definitiva il futuro degli strumenti di programmazione negoziata.

Martedì 25 giugno si riunirà l'assemblea dei soci della Patto dell'Agro, due giorni dopo, il 27 giugno, è previsto l'incontro del coordinamento istituzionale del Piano di Zona, il 3 luglio è in agenda l'assemblea di AgroInvest. Montalbano, in vista di queste importanti scadenze, ritiene necessaria una riunione preliminare tra tutti i sindaci dei comprensorio del Piano di Zona S1 e il Presidente della Provincia o un suo delegato, per poter stabilire una linea comune. Da mesi, ormai, gli amministratori dell'Agro nocerino si confrontano senza però trovare un accordo.

Il tempo, ora, sta per scadere ed urge individuare un percorso condiviso. Alcuni primi cittadini, in più occasioni, si sono detti disponibili a rilanciare la Patto dell'Agro Spa per affidare alla società anche le funzioni attualmente attribuite ad AgroInvest e al Piano di Zona. Altri sindaci, in particolare gli amministatori di Nocera Inferiore e Sarno, invece, ritengono che la Patto, società mista a capitale pubblico e privato, non possa gestire le politiche sociali. La questione è stata sollevata dall'assessore alle politiche sociali del Comune di Nocera Inferiore, Ilario Capaldo, che ha interpellato la Regione. Capaldo ha mosso osservazioni anche sulla proposta formulata da alcuni amministratori di inserire i sindaci nel cda della Patto dell'Agro. Secondo l'assessore nocerino si potrebbe incorrere nel rischio incompatbilità.
Tiziana Zurro