Angri. Fondi Jessica. Parla il”papà” del progetto: Alfonso Scoppa

Sui fondi “Jessica” fa le sue precisazioni il consigliere comunale Alfonso Scoppa, vero “incubatore” del progetto che oggi trova nell’amministrazione comunale molti presunti referenti anche tra gli stessi inesperti congilieri comunali che a caccia di viabilità mettono in discussione e mortificano quelle che sono le valenze tecniche ed economiche di questo iter amministrativo e progettuale.

“Ad Ottobre 2012 la Commissione di valutazione delle proposte progettuali a valere sui fondi denominati Jessica, ha ritenuto coerente con gli obiettivi della misura 6.1 P.O.R. Regione Campania, il progetto di riqualificazione Urbana presentato dall’amministrazione Comunale di Angri. Questo finanziamento, – afferma Alfonso Scoppa – che sarà erogato dalla BEI Banca Europea degli Investimenti, rappresenta un macro obiettivo che darà una seria risposta in tema di investimenti pubblici di promozione locale. La cifra richiesta ammonta ad 19 milioni di euro e probabilmente verrà leggermente rimodulata al ribasso”.

Poi Scoppa sottolinea quanto, con fatica sia riuscito a fare discutere, tra lo scetticismo anche di qualche elemento della giunta, l’importante argomento nel prossimo consiglio comunale. “Uno dei punti all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale riguarda appunto la variante al PRG vigente per l’attuazione del programma Jessica, ovvero, della riqualificazione di via Cervinia, Piazza Annunziata e prolungamento di Corso Italia. E’ davvero una soddisfazione – continua Scoppa – avere richiesto ed ottenuto questo tipo di contributo la cui utilizzazione può avvenire mediante strumenti di ingegneria finanziaria, ovvero mediante sostituzione delle imprese realizzatrici all’Ente Comune, non gravando così in alcun modo sugli equilibri finanziari del bilancio di quest’ultimo. La valutazione positiva del progetto è avvenuta grazie all’alta redditività dell’investimento realizzando, agli spazi a verde previsti, ai servizi progettati. Inoltre la realizzazione di un progetto già approvato di housing sociale a sud di Piazza Annunziata (Housing sociale proposto da Raiola a via E. Fermi), a Nord di piano casa (area M.C.M. ) sono stati la giusta integrazione che ha determinato la valutazione positiva della proposta progettuale. E’ chiaro che oltre all’aspetto infrastrutturale è giusto evidenziare che l’immissione di tante risorse finanziarie sul nostro territorio, ben gestite, daranno una boccata d’ossigeno non indifferente all’economia locale almeno per i prossimi 5/10 anni”.

Quello del “Jessica” potrebbe essere sicuramente una carta da giocare nell’eventuale e sempre più probabile canditura alla poltrona di primo cittadino, detenuta dallo zio Mauri, verso la quale Scoppa è letteralmente indirizzato da un sempre più ampio consenso e di favore manifestato anche attraverso il social Facebook, dove quotidianamente ci sono attestati di incitazione a percorrere la strada del sindacato. Scoppa tuttavia condivide ancora il suo progetto con l’attuale governance.”Porgo un plauso al Sindaco Dottor Pasquale Mauri, detentore della delega all’Urbanistica, al collega Avvocato Manzo Bonaventura , che ha seguito la delicatissima fase embrionale del PUC, integrandola con sagacia alle esigenze di questo grande progetto, al Vice Sindaco Dottor Gianfranco D’Antonio e all’ex Assessore Avvocato Savino Giordano con cui è iniziato l’iter amministrativo del Piano Urbanistico Comunale. Non ritengo scontato un forte ringraziamento e un grande “in bocca al lupo” alla U.O.C. lavori pubblici, retta dall’Ing. Benedetto D’Ambrosio, e all’U.O.C. urbanistica dall’Ing. Vincenzo Ferraioli, ai quali spetterà la delicatissima fase amministrativa che seguirà all’approvazione della prossima delibera di Consiglio Comunale”.
Luciano Verdoliva