Nocera Inferiore. Piano di Zona. Zampetti nuova coordinatrice. Angri assente

Il Piano di Zona S1 ha un nuovo responsabile che succede a Profidio Monda e Gerardo Basile, il coordinamento ha, infatti, nominato la dirigente dell’Asl Salerno Rosa Zampetti, ex moglie del sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca. Zampetti sarà il nuovo coordinatore del Piano di Zona ambito S1 e dovrà cercare di dare un nuovo immediato slancio dopo mesi di polemiche e incontri a vuoto. La nomina è avvenuta nel corso dell’accesa riunione del coordinamento istituzionale che ha sciolto le riserve indicando la responsabile dello Sportello adolescenti dell’Azienda Sanitaria Locale quale nuovo responsabile del Piano che si occupa delle politiche sociali nell’Agro nocerino sarnese. Rosa Zampetti ha prevalso sugli altri sei candidati che avevano presentato i loro curriculum dopo l’annullamento del bando e l’avvio della nuova manifestazione di interesse.

Tra i candidati c’erano uno psicologo dell’Asl Salerno Luigi D’Alessio, Michelina Baldi di San Valentino Torio, Maddalena Di Somma dirigente del Comune di Scafati, Angela Marciano dirigente del Comune di Angri, Rocco Capaldo in forze al Comune di Castel San Giorgio e Giuseppe Bonino funzionario del Comune di San Marzano. Zampetti è stata eletta con undici voti favorevoli. I rappresentanti del Comune di Pagani, non condividendo il metodo adottato per l’individuazione del coordinatore si sono astenuti. Assente il Comune di Angri. Alterco animato tra rappresentante del comune di Nocera Inferiore, l’assessore Ilario Capaldo, responsabile delle politiche sociali del Comune di Nocera Inferiore e il sindaco di Nocera Superiore Gaetano Montalbano.

Al termine della discussione sulle modalità di approvazione e al eventuale rinvio d di tre regolamenti Capaldo ha lasciato la sede di via Libroia senza esprimere il suo voto. Sarà il comune capofila Scafati a ratificare il decreto per l’ufficializzazione, poi Rosa Zampetti potrà formare la squadra che la affiancherà e lavorare ai progetti da realizzare. Ora i sindaci sono pronti a mettere in discussione anche la questione del Comune capofila. Molte sono le critiche sulla lacunosa gestione di Scafati. Si ipotizza un nuovo comune capofila.