Pagani. Strade gruviera e danni alle auto. Il comune risarcisce

Buche nell'asfalto: il Comune costretto a risarcire automobilisti e pedoni. La commissione straordinaria, nei giorni scorsi, ha riconosciuto quali debiti fuori bilancio circa 30 mila euro da destinare. Un'ingente somma destinata agli sventurati automobilisti finiti con le proprie vetture nelle buche disseminate lungo le strade cittadine e, in particolare, nelle zone periferiche, e ai pedoni caduti rovinosamente sull'asfalto mentre passeggiavano. Tra le vittime delle arterie dissestate anche alcuni cittadini residenti nei comuni limitrofi. Cinque cittadini, risultati vincitori in cause civili contro l'Ente, si vedranno corrispondere settemila euro. Una delle prime sentenze vede protagonista una donna, F. R. le sue iniziali, che nel 2007 mentre passeggiava lungo via Cesare Sportelli (nei pressi dello stadio comunale) inciampò a causa del manto stradale dissestato accanto a un tombino. La signora fu trasportata in ospedale e a distanza di circa sei anni ha ottenuto un risarcimento danni pari a 2.700 euro.

Tutte le altre sentenze riguardano, invece, auto finite nelle buche. Molte le sentenze relative ad episodi registratisi nel 2009. In via Mangioni, all’altezza del mercato ortofrutticolo, un automobilista, C.D. le sue iniziali, finì in una "voragine" colma d’acqua non segnalata. L'uomo ha ottenuto un risarcimento di 470 euro. Sempre nel 2009, presso la quarta traversa Fontana, i coniugi M. E. e A. V. finirono con il loro motociclo in una buca piena di acqua. In questo caso il risarcimento è stato più cospicuo e ammonta a 2.500 euro. Ha ottenuto 460 euro, invece, G.B.E. che nell'ottobre del 2010, in via Vicinale dei Macinati, finì con la sua auto in una buca non segnalata. L'ultima sentenza riguarda un incidente verificatosi nel luglio del 2011 in via Filettine: C. D. finì con la propria auto in una buca piena d’acqua, 960 euro i danni. Una pioggia di risarcimenti, dunque, e l'elenco nei prossimi mesi potrebbe allungarsi poiché il problema delle strade dissestate è lontano dall'essere risolto nella città di Sant'Alfonso. Lungo molte arterie, sia nel centro che in periferia, si notano buche e avvallamenti che rendono la vita difficile ad automobilisti, centauri, ciclisti e pedoni. Con l'arrivo delle piogge il quadro si complica, poiché spesso le "voragini" colme d'acqua non sono visibili né segnalate.
(t.z.)