Pagani. Tornano in servizio gli ausiliari del traffico

Tornano in servizio i sei parcheggiatori paganesi. I commissari liquidatori della Multiservice hanno concesso una proroga di tre mesi agli addetti al controllo delle aree sosta, i cui contratti erano scaduti all'inizio della scorsa settimana. Il commercialista Stefano Vignone e l’ingegnere Luigi Giampaolino, da qualche settimana alla guida della società del Comune messa in liquidazione, dopo un confronto con i tre commissari straordinari hanno deciso di rinnovare per novanta giorni il contratto dei parcheggiatori. Inizialmente, sembrava che i commissari liquidatori non avessero intenzione di prendere in considerazione l'ipotesi di una proroga. Il compito di svuotare le casse dei venti parcometri e il controllo dei grattini apposti dagli automobilisti sulle vetture stava, infatti, per assere assegnato agli agenti della polizia locale. Nelle ultime ore, però, è arrivato il rinnovo temporaneo dei contratti degli ausiliari del traffico.

Una scelta dettata probabilmente dalla necessità di evitare disservizi e di non caricare di ulteriori oneri i caschi bianchi, che, considerate le carenze di organico, faticherebbero a garantire anche nuovi servizi oltre a quelli già assicurati. I sei ausiliari possono tirare un sospiro di sollievo anche se solo per i prossimi tre mesi, bisognerà, infatti, capire cosa accadrà alla scadenza della nuova proroga. Non hanno beneficiato dello stesso trattamento i sette lavoratori interinali in forze alla Multiservice e i cui contratti scaduti il 31 luglio non sono stati rinnovati. Si tratta dei quattro operai incaricati della gestione del verde pubblico, di due addetti alle pulizie del cimitero e del falegname impiegato nel settore manutenzioni che si sono ritrovati senza occupazione. Tagli al personale che hanno avuto ripercussioni sui servizi offerti. E' il caso del cimitero che, fino a qualche giorno fa, si presentava invaso di immondizia.

Le lamentele dei cittadini e le denunce di alcuni esponenti politici hanno spinto il Comune a predisporre un intervento di raccolta straordinario, effettuato dai dipendenti del cimitero con un mezzo messo a disposizione dal Consorzio di Bacino Salerno 1. Mossa che ha generato il malcontento di qualche ex addetto alle pulizie all'interno del camposanto che, nei giorni scorsi, avrebbe mostrato il proprio malcontento inscenando una protesta tra i viali della struttura. Episodio sul quale stanno tentando di fare luce i carabinieri della tenenza di Pagani. Intanto, presto potrebbero registrarsi altre novità in seno alla società comunale. I due commissari liquidatori potrebbero non rinnovare i contratti di alcuni consulenti esterni che affiancavano l'ex amministratore unico Aniello Giordano. La triade commissariale, finora, ha adottato una strategia precisa: contornarsi di professionisti esterni che non abbiano alcun legame con la città di Pagani. Con molta probabilità, potrebbero essere salvaguardati fino alla prossima primavera solo i dipendenti della Multiservice, assunti con contratto a tempo indeterminato. 
Tiziana Zurro