Angri. Auto della Polizia Locale a secco. Sindaco in missione

Pattuglie rimaste a secco. Alla cronica carenza di organico che assilla il comando di Polizia Locale si aggiunge, ora, anche la mancanza di carburante per le pattuglie dei caschi bianchi che stando ad una nota, inviata congiuntamente al sindaco Mauri, al Prefetto, alla Procura della Repubblica e alla locale stazione dei Carabinieri, si configura l’interruzione di pubblico servizio per cause non dipendenti dal comando ma da tempo a conoscenza dell’attuale amministrazione comunale. Lo stesso Comando che già lo scorso 5 settembre 2013 e ancora, successivamente, lo scorso 19 settembre, aveva comunicato l’effettiva mancanza di carburante senza avere “ricevuto alcun riscontro” dall’amministrazione comunale.

Una situazione imbarazzante che coincide con l’ennesima missione, per il bene della collettività, “fuori porta” del sindaco, dell’immancabile assessore Annamaria Russo e di due consiglieri comunali, in “missione” a Roma per un costoso seminario, “gentilmente” offerto dai dalla comunità angrese. Mentre le auto della Polizia Locale restano a secco il quartetto amministrativo si è concesso questo interessante semiario di due giorni nella capitale d’Italia dal chilometrico titolo: “La disciplina delle società a partecipazione pubblica dopo gli ultimi interventi legislativi e giurisprudenziali”. Il seminario, organizzato dalla società “Paradigma”, stando alla determina dirigenziale del settore Programmazione e risorse, è costato 3,200 euro più le spese di soggiorno pari a 1,472 euro, da rendicontare preventivamente per un costo complessivo di 4,672 euro. Una situazione imbarazzante in tempo di austerity e tagli. Imbarazza e indigna oltre modo la scelta degli amministratori di effettuare questa costosa e affollata mission proprio mentre la nota del comandate dei caschi bianchi, costretto a fermare forzatamente le sue pattuglie, approda nelle stanze del Prefetto e del Procuratore della Repubblica tra lo stupore e la rabbia dei cittadini che si sentono sempre più delegittimati da un azione amministrativa ormai in mano a pochissimi eletti e che non tiene affatto conto delle attuali esigenze della collettività, sia dal punto di vista economico che quello della sicurezza.

La determina per la missione porta infatti la data del 17 settembre ultimo scorso, mentre le due note del Comando di Polizia Locale, che segnalano la mancanza di carburante nelle auto portano la data del 5 e 19 settembre. Suona oltre modo strano e beffardo che l’amministrazione comunale non abbia optato di inviare al seminario personale qualificato e con un curriculum coerente o tecnici di comprovata esperienza capaci di implementare il loro know how, ma abbia scelto di inviare nella capitale consiglieri comunali con rudimenti culturali generici intermedi. Sulle due questioni il palazzo tace velato da una coltre di imbarazzo anche tra gli stessi consiglieri di maggioranza sempre più rumorosi verso il loro sindaco.
Luciano Verdoliva