Cava dei Tirreni. Igiene urbana: verso l’affidamento temporaneo

Il sindaco Marco Galdi è alle prese con la crisi politica ma tiene banco il futuro del servizio di igiene urbana metelliano. Sono frenetiche e senza sosta le trattative per l’individuazione del soggetto pubblico che dovrà gestire pro tempore per i prossimi cinque mesi il servizio di igiene urbana cittadina. Sulla scorta di queste indicazioni è stato, infatti, pubblicato dall’ente metelliano il bando di gara per l’esternalizzazione del servizio di raccolta e smaltimento dei Rifiuti Urbani e degli altri servizi connessi di igiene urbana e ambientale. Un atto dovuto deciso dal consiglio comunale lo scorso luglio.

Sulla scorta di queste indicazioni gli uffici comunali hanno predisposto tutti gli incartamenti per la pubblicazione in tempo utile del bando pubblico per la privatizzazione del servizio, qualora non si sarebbe trovata una soluzione che consentisse il mantenimento pubblico dello stesso. Il bando è stato già pubblicato anche sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. Il valore complessivo dell’appalto, per una durata di 24 mesi, è stimato complessivamente in 24milioni di euro. Le aziende partecipanti, dovranno essere in regola con tutte le normative antimafia e disporre di tutti i requisiti economici ed ambientali del caso. Le offerte dovranno prevenire entro il 19 novembre.

L’esternalizzazione del servizio dovrebbe partire dal primo gennaio 2014. L’amministrazione sta lavorando in maniera frenetica per ritirare il bando. La decisione finale, comunque spetterà al consiglio comunale, ma solo dopo che sarà individuata la società che dovrebbe assorbire dal 1 ottobre e fino al 28 febbraio 2014, gli 88 lavoratori che ritornerebbero alle dipendenze della Metellia Servizi a partire dal 1 marzo, per i prossimi 7 anni. In pole position per la gestione dei rifiuti cittadini c’è la "Fisciano Sviluppo”, la società in house del comune della valle dell’Irno che si occupa anche del servizio di pulizia all’interno dell’Università. Il via libera potrebbe arrivare entro la fine del mese quando il 30 settembre terminerà anche l’affidamento provvisorio a Metellia Servizi, non si esclude, tuttavia, la concessione di una brevissima proroga alla società partecipata del comune metelliano.