Pagani. Nasce un nuovo movimento civico – politico

File:Pagani.jpgLa società civile si mobilita in vista delle amministrative della prossima primavera. Nasce a Pagani un nuovo movimento civico, che aggregherà esponenti del mondo dell'associazionismo, professionisti e giovani pronti ad impegnarsi per tentare di risollevare le sorti della città. La presentazione ufficiale del movimento, che si pone in nette discontinuità con la passata amministrazione, dovrebbe svolgersi sabato prossimo. Dopo una serie di incontri, che si sono svolti al centro sociale di via De Gasperi, i protagonisti di questa nuova avventura si preparano a illustrare le loro proposte e a promuovere le prime iniziative pubbliche. Tra i promotori di questo progetto figurerebbero alcuni ex attivisti di "Perpartitopreso" come Luigi Sales e Aldo Padovano, gli esponenti del movimento civico "Impegno per la Città", in particolare Riccardo Christian Falcone, Teresa Fiore e Claudia Ferrara, due storici rappresentanti della protezione civile "Papa Charlie" come Michele Pepe e Fabio Fraiese e alcuni componenti del coordinamento "Pagani Pulita", i medici Lorenzo Martora e Antonio Campitiello.

Conncetivia voucher 2,5

Ai vertici che si sono susseguiti in questi mesi hanno partecipato, in talune occasioni, anche Antonio Torre (figlio di Carlo Torre), Gianni Ferrillo (suocero del fratello dell'ex sindaco Gambino) e il noto amministrativista Alfonso Vuolo. Il movimento, che alle prossime amministrative dovrebbe presentare una propria lista civica, al momento non ha avviato confronti con i partiti, ma non si esclude che nelle prossime settimane si possano aprire nuovi scenari. Anche se il nuovo soggetto avrebbe stabilito già delle regole ferree e imprescindibili in vista di una possibile discesa in campo. Secondo i rumors si è statibilito che nella lista non ci sarà posto per i condannati, che si darà spazio ai volti nuovi che saranno preferiti a quanti hanno già ricoperto cariche pubbliche in passato. Discontinuità, rinnovamento, trasparenza e concretezza, sembrano questi i punti chiave individuati dai rappresentanti del movimento che ritengono che sia giunta l'ora di superare i confini delle diverse realtà associative, di unire le forze per costruire un percorso comune che possa consentire a una città che esce da un periodo buio di risollevarsi.
Tiziana Zurro