Nocera Inferiore. Ipervigile, nuova agitazione

http://www.agro24.it/wp-content/uploads/2013/10/Nocera-Inferiore-Ipervigile-sciopero-.jpgSi preparano a incrociare nuovamente le braccia i dipendenti dell'Ipervigile di Nocera Inferiore. L'azienda non ha tenuto fede agli impegni assunti l'otto ottobre e le guardie giurate e i sindacati hanno proclamato una nuova giornata di sciopero. La protesta era prevista per oggi, ma dopo l'intervento della commissione di garanzia è stata rinviata di una decina di giorni. Lo sciopero di ventiquattro ore, quindi, potrebbe essere indetto per il 26 ottobre. Le guardie giurate sono esasperate. Dopo lo sciopero sembrava si fossero aperti degli spiragli.

I rappresentanti dell'azienda, nel corso di un confronto con i sindacati favorito anche dal vicequestore del commissariato di Nocera Inferiore, si erano impegnati a pagare lo stipendio del mese di settembre entro il dieci ottobre e a corrispondere all’interno della busta paga gli adeguamenti da febbraio 2013 nonché gli arretrati contrattuali. Rassicurazioni erano giunte anche sul pagamento di oltre cinquantamila ore di straordinario effettuate da giugno 2012 a luglio 2013. L’azienda si era impegnata a riconoscere le spettanze e aveva annunciato che avrebbe inviato entro dieci giorni una sua proposta al sindacato per la dilazione di quanto dovuto. Un mattinata quella dell'otto ottobre che si era chiusa con le dichiarazioni cariche di soddisfazione di sindacalisti e lavoratori. Purtroppo, a una settimana di distanza dallo sciopero, niente è cambiato. «

Ad oggi -si legge nel documento a firma dei sindacalisti Lucia Pagano, segretaria provinciale Cisal e Giuseppe Cuccurullo, segretario regionale Cisas- l’ azienda non ha mantenuto nessun impegno assunto, non ha pagato gli stipendi e non ha rispettato nessun punto dell’accordo raggiunto. Per tali motivi le organizzazioni sindacali hanno deciso di proclamere una ulteriore giornata di sciopero».
Tiziana Zurro