Angri. Il calcio piange Domenico De Vito detto “mimì”

E’ scomparsa una grande leggenda dello sport angrese. Oggi è venuto a mancare Domenico De Vito detto anche “Mimì”, classe 1927 un ex calciatore angrese.Centravanti e ala. La sua carriera agonistica inizia in Serie C con la Scafatese per poi giocare in Serie B dopo la vittoria del campionato da parte dei gialloblu nel 1946. Dopo un campionato di Serie B, passa al Livorno nel 1947 e esordendo in Serie A il 14 settembre di quell'anno in casa contro il Vicenza. A Livorno gioca un campionato, e l'anno successivo torna in Campania alla Salernitana appena promossa in Serie A. Nel 1949 il Livorno lo cede in Serie B alla SPAL.

Qui farà tandem d'attacco con lui, Giovanni Ciccarelli che rappresenterà la svolta della sua carriera. De Vito realizzerà 22 reti e Ciccarelli 17, la SPAL non verrà promossa ma il duo De Vito – Ciccarelli salirà in Serie A destinazione Triestina. A Trieste resterà 3 stagioni nella massima serie – 2 in coppia con Ciccarelli. Torna poi a Ferrara, dove gioca due campionati. Nel 1955 passa in IV Serie alla Reggina. Vinto il campionato, De Vito gioca altri 2 tornei di Serie C con la Reggina per tornare poi, nel 1958, a Scafati e chiudere di lì a poco con il calcio giocato e iniziando una lunga carriera di allenatore in squadre meridionali di Serie D e C e tra queste la Palmese e la Nuova Vibonese. In Serie A De Vito ha disputato 136 gare segnando 27 reti. Viveva ad Angri dove ha trascorso l’ultima parted ella sua intesa vita.