Pagani. I carabinieri indagano sul Consorzio di Bacino

I carabinieri di Pagani avviano verifiche sulle attività svolte all'interno del cantiere del Consorzio di Bacino di via Filettine. Secondo le indiscrezioni trapelate, i militari guidati dal tenente Gianfranco Iannelli starebbero tentando di fare luce su alcune presunte irregolarità relative allo smaltimento degli ingombranti e di . A quanto pare, infatti, sarebbe stata segnalata all'interno dell'area, che non è un'isola ecologica, la presenza di un esterno che avrebbe scaricato degli elettrodomestici. Circostanza che merita un approfondimento visto che il Consorzio provvede a raccogliere direttamente a domicilio gli ingombranti e che presso il sito di via Filettine non sarebbe consentito l'accesso agli esterni.

Nei giorni scorsi, i carabinieri avrebbero già ascoltato alcuni dipendenti del Consorzio e alcuni funzionari e dipendenti del Comune e nelle prossime ore potrebbero essere sentite altre persone. Intanto, sul fronte Consorzio si registrano altre importanti novità. Dall'estate scorsa il Comune ha rivoluzionato il metodo di pagamento delle rimessa mensile. I commissari straordinari hanno deciso di stanziare solo le somme effettivamente dovute in base alla manodopera e ai mezzi impiegati e ai servizi resi. Una scelta che avrebbe consentito di centrare significativi risultati, da un lato sarebbe lievitato il numero dei lavoratori operativi e quindi si noterebbero miglioramenti nei servizi, dall'altro sono diminuiti i costi.

A fronte della rimessa di 260 euro mensili garantiti in passato, da qualche mese palazzo San Carlo assicura una rimessa che oscilla tra i 240 e i 250 mila euro. Cifra che sommata ai circa due milioni di euro annui messi a disposizione per i conferimenti presso le piattaforme porta a un costo del totale del servizio pari a poco più di cinque milioni di euro, a fronte dei 7.500.000 euro previsti negli anni scorsi nel contratto tra Ente e Consorzio. Questo cambio avrebbe già inciso positivamente anche sulle tasche dei cittadini. Secondo quanto riferito dalla commissione sttraordinaria infatti si sarebbe registrata una riduzione della Tares per le famiglie meno abbienti.
Tiziana Zurro