Scafati. L’Acse pronta a gestire parcheggi e impianti termici

L’Acse piglia tutto e si prepara ad assumere otto ausiliari al traffico e tre tecnici per la verifica degli impianti termici: sarà l’azienda partecipata col comune al cento per cento a gestire il piano parcheggi a pagamento nel territorio cittadino, il cimitero, la verifica degli impianti termici ed anche il servizio rifiuti, di cui de facto però già si occupa. Fuori l’Aipa che resta in proroga solo fino a quando, dopo il consiglio comunale del prossimo 8 gennaio, si darà il nullaosta definitivo all’Acse di gestire queste ‘nuove’ attività. Insomma un vero e proprio “en plein” per l’azienda gestita dal presidente Eduardo D’Angolo che adesso avrà anche l’arduo compito di assumere almeno otto nuovi ausiliari al traffico. Così come sancito dalla sentenza della Corte Costituzionale nel 2012, ad oggi sussistono vincoli particolarmente stringenti in merito all’affidamento dei servizi pubblici e quindi una società come l’Acse, a totale capitale pubblico, risulta essere quella più idonea a gestire i servizi in quanto è sotto le strette dipendenze dell’Ente. L’Acse gestirà per 5 anni il sistema di soste a pagamento, i parcometri (almeno 33) e la loro manutenzione nonchè quella delle strisce e la fornitura di 8 palmari per l’elevazione delle sanzioni con relativi software e stampanti.

L’Acse in cambio prenderà tutti i proventi dei ticket per i 3259 stalli a pagamento e può anche sub-appaltare il servizio. La questione più delicata è quella del personale. Gli otto ausiliari al traffico previsti dovranno essere tutti nuovi assunti a tempo pieno: i requisiti sono il titolo di studio almeno della scuola dell’obbligo, la patente B e l’assenza di condanne penali e carichi pendenti. A gestire però le sanzioni ed i ricorsi, sarà la polizia municipale mentre il personale Acse dovrà verificare il corretto svolgimento del servizio sul territorio. I costi per la gestione del servizio, sono circa di 720mila e 759 euro mentre i ricavi dovrebbero ammontare a circa 764mila e 689 euro che farebbero guadagnare (esclusi 25mila euro di imposte) ben 18mila e 930 euro di cui c’è un aggio del Comune dell’80 per cento e un utile netto per la società del 20%. L’Acse inoltre gestirà il cimitero comunale per 199mila e 800euro in un anno con il suo personale. Invece per quanto concerne la verifica degli impianti termici presenti sul territorio cittadino, saranno assunti tre tecnici convenzionati Enea che effettueranno le verifiche sul territorio mentre due impiegati Acse dovranno occuparsi della campagna di sensibilizzazione e dello sportello utenti previsto nella convenzione che dovrà essere siglata tra Acse e Comune dopo l’ok del consiglio comunale del prossimo 8 gennaio.

Il costo del servizio sarebbe di 361mila e 800 euro mentre il ricavo di 366mila e 780 euro e quindi l’Acse guadagnerebbe solo 3mila e 984euro in quanto deve dare l’80% al Comune. Infine l’Acse si occuperà anche dei rifiuti sia della differenziata che dei rifiuti urbani nonchè lo spazzamento delle strade e la gestione dell’isola ecologica. Per effettuare questo servizio servono 70 operatori ecologici e circa 50 mezzi propri o a noleggio. Sarà impiegato il personale Acse. Questi affidamenti dovranno però ricevere l’ok del consiglio comunale il prossimo mercoledì 8 gennaio 2014, ore 17 nella Sala Consiliare presso la Biblioteca Comunale.
Valeria Cozzolino