Pagani. Verso il voto. Il centro destra cerca la quadratura

Il centrodestra paganese in gran fermento in vista delle amministrative del prossimo maggio. Certa la discesa in campo dell'assessore provinciale Massimo D'Onofrio, che dovrebbe essere sostenuto da alcune liste civiche e che potrebbe godere anche del supporto di Fratelli d'Italia. Il partito di Giorgia Meloni non ha ancora sciolto le riserve, lo farà con molta probabilità all'indomani delle primarie fissate per il 22 e 23 febbraio, promosse per decretare sarà la futura classe dirigente del partito, finora affidato ad una reggenza provvisoria. Nel frattempo, però, qualche esponente del partito di Cirielli, in particolare il professore Francesco Ianniello, avrebbe già manifestato il suo interessamento per il progetto politico di D'Onofrio.

Conncetivia voucher 2,5

L'assessore provinciale al turismo, inoltre, avrebbe incassato già la fiducia di alcuni ex consiglieri comunali ed ex assessori della passata amministrazione, tra questi Gaetano Tortora, Mimmo Lombardi, Gino Mongibello e Raffaelina Stoia. Le liste che sosterranno l'assessore provinciale nella corsa per la conquista della poltrona più alta di palazzo San Carlo, dunque, si starebbero definendo ma D'Onofrio preferisce non si sbottona e preferisce soffermarsi sui progetti. «Il voto di maggio segnerà l'alba di una nuova Pagani. Sento il peso della responsabilità e della fiducia di tanti cittadini, amici e politici che si riconoscono in un progetto di rinnovamento – ha affermato -. Non posso sottrarmi alla sfida della rinascita della mia città e serebbe un onore servire il mio popolo. Saranno elezioni dove non conteranno i partiti, ma le persone e soprattutto i programmi. Il mio alleato è il popolo e sono orgoglioso di appartenere a questa comunità abbandonata da tutti. Rappresenterò liste civiche ma sto dialogando con Fratelli d'Italia che mi piacerebbe avere in coalizione».

A differenza di Salvatore Bottone, ex sindaco facente funzioni e candidato alle prossime amministrative, che ha preso le distanze dalla passata amministrazione, D'Onofrio si dice orgoglioso di essere stato tra i protagonisti di quella stagione politica. «Sono fiero di essere stato in una giunta di bravi amministratori e soprattutto di essere stato al fianco di Alberico Gambino, con il quale abbiamo raggiunto grandi risultati – ha puntualizzato D'Onofrio-. Oggi bisogna ripartire. Il mio slogan sarà "Il sindaco dei bambini, lavorare per il presente guardando al futuro!". Asili nido, politiche sociali, scuole, servizi e rilancio economico attraverso la ripartenza dell'area Pip e dell'area ex-Fatme: questo sarà il cuore del nostro programma». In casa Forza Italia, si susseguono gli incontri per definire il programma, le liste e per individuare il candidato sindaco.

Con molta probabilità il partito di Berlusconi punterà sulla docente universitaria Marzia Ferraioli «Nel giro di una decina di giorni, come dichiarato anche dall’ onorevole Mara Carfagna, sarà individuato il nostro candidato sindaco che sicuramente sarà in grado di tenere unito il “gruppo storico e non “ e di rappresentare e amministrare al meglio la città di Pagani -ha sottolineato Bertolo Picaro, responsabile di Forza Italia Giovani-. Non voglio sbilanciarmi su alcun nome, ma posso dire che il candidato sarà una figura di spessore e di eccellenza, che non avrà nulla a che vedere con le proposte offerte dalle altre forze politiche. La cosa certa è che daremo il massimo per evitare che la città cada nelle mani dei “parolai” che, in vista delle elezioni, sono alle porte della città. Non nascondo piccole frizioni che si sono create all’interno del partito, ma come ben sappiamo quando si deve costruire un partito iniziando da zero la cosa non è mai facile. L’importante è correre uniti in un'unica direzione, mettendo da parte eventuali personalismi, ed è proprio in quest’ ottica che sta lavorando il responsabile per la campagna elettorale Enrico Giaquinto»
Tiziana Zurro