Angri. 35enne morta per aborto. Sequestrata la salma

Poco dopo un’interruzione di gravidanza perde la vita una mamma di 35 anni di Angri e scatta la denuncia da parte dei familiari. La tragica storia di M.C. si è compiuta tra venerdì e ieri notte, quando il suo cuore ha smesso di battere. M.C., casalinga e mamma di una bimba di sette anni, era incita alla settima settimana, ma quella gravidanza non la poteva portare avanti. Il sogno di dare un fratellino alla sua bimba doveva interrompersi per motivi sanitari, probabilmente a causa di un utero fibroso.

Conncetivia voucher 2,5

Venerdì scorso il ricovero al reparto di ginecologia dell’ospedale Umberto I, per procedere all’interruzione della gestazione. I medici decidono di tentate l’aborto terapeutico con il sistema della cannella. La donna viene dimessa già venerdì e l’interruzione sarebbe proseguita “naturalmente”. Ma qualcosa non sarebbe andato per il verso giusto. La donna a causa del dolore e delle perdite di sangue, sabato viene traspportata d’urgenza dal marito, in ospedale a Nocera Inferiore. La 35enne viene sottoposta a un nuovo intervento per procedere all’ aborto . La donna è parsa subito in gravi condizioni anche per la perdita di sangue.

M.C. viene quindi trasferita nel reparto di rianimazione, ma alle tre di lunedì mattina, il cuore della 35enne angrese si è fermato. E per la famiglia è stata una tragedia senza fine. Il marito della donna ha sporto denuncia al commissariato di polizia di stato di Nocera Inferiore lamentando quanto accaduto, della povera moglie dimessa da ginecologia il venerdì, mandata a casa e che poi il giorno seguente era corsa in ospedale, dolorante e sanguinante. I funerali di M.C. erano previsti per oggi alle 10, nella chiesa di Maria Santissima della Pace ad Angri, ma non si svolgeranno più perche il sostituto procuratore Valeria Vinci della procura nocerina ha ordinato il sequestro della salma in attesa dell’autopsia e della cartella clinica della paziente . La polizia sta identificando in queste ore i medici e gli altri sanitari che hanno avuto in cura la 35enne angrese.