Nocera Inferiore. I sampietrini della discordia

A Nocera Inferiore divampano le polemiche dopo che lungo alcune aree sosta in via Garibaldi e in via Barbarulo, i sampietrini sono stati ricoperti con l’asfalto. L'intervento è stato dettato dalla necessità di rendere più agevole il posizionamento e lo svuotamento dei cassonetti per i rifiuti. Oggettivamente, quella striscia di asfalto è brutta. «Mi piacerebbe sapere di chi è l'idea, chi l'ha avallata e qual è il motivo concreto di quanto è stato fatto agli stalli riservati a parcheggio lungo Via Garibaldi! –scrive Pasquale Milite del Movimento cinque stelle-. I sampietrini davano fastidio a qualcuno? E se la città dovesse rivolere quel che c'era chi pagherà il costo per il ripristino? Lo so già, diranno: i soliti criticatori! Ebbene si, noi siamo critici e capaci anche di andare oltre dovesse servire a tutelare la Nostra Città!».

Nei giorni scorsi, Antonio Cesarano, vicesindaco della precedente amministrazione comunale, aveva lamentato che le campane per il vetro e altri materiali erano state tolte dall’ area con i sampietrini in via Barbarulo e posizionate sul marciapiede, restringendolo e rendendo difficile il passaggio ai pedoni. «La sostituzione dei sampietrini con l'asfalto nelle aree di sosta della nostra città è un'operazione orrenda che va contro ogni canone estetico!», scrive Vincenzo Stile del pd su facebook.

A Stile replica direttamente il sindaco Manlio Torquato: «Per Enzo Stile: per doverosa notizia, i sampietrini, ormai in più punti saltati, non sono stati sostituiti ma coperti con tappetino di asfalto per contenerne la progressiva distruzione. Col tempo l'asfalto dovrebbe fare massa per consolidare i "sanpietrini". Invece lungo i tratti carrabili dove le mattonelle famigerate, costateci un pò e lì posizionate inopportunamente, si erano definitivamente scassate, saranno sostituite da tappetini d'asfalto idonei al passaggio veicolare e perimetrati da nuova segnaletica orizzontale. Analogamente avevamo fatto sostituire i 4 tigli che, senza criterio, erano stati fatti posizionare lungo il marciapiede di via Garibaldi, all'ingresso de portici di piazza del Corso sollevando la pavimentazione. Questo quando si son fatti fare lavori costatici sia in termini di posizionamento che di manutenzione e di dubbia utilità».