Pagani. Verso il voto. Grillo si presenta agli elettori

Dopo Attilio Elettore, Massimo D’Onofrio e Antonio Donato annuncia ufficialmente la sua candidatura a sindaco anche Angelo Grillo. Sabato i alle 17 presso la “Caffetteria Vergati”, in via Zeccagnuolo a Pagani, si svolgerà la conferenza stampa del candidato sindaco della coalizione composta da Pd, Socialisti, Progetto Comune, La Città e Pagani in Movimento. Nel corso dell’ appuntamento, Grillo illustrerà alcuni dei punti cardine del suo progetto politico, basato su risanamento e rilancio. L’ex sindaco della città ed ex consigliere regionale ha già spiegato nei giorni scorsi di aver deciso di scendere in campo per mettersi al servizio della città e soprattutto dei giovani.

«Sono stati i giovani che mi hanno spinto ad accettare questa candidatura –aveva dichiarato il candidato sindaco-. Quando dei ragazzi ti contattano e ti dicono, noi ci mettiamo l'entusiasmo, tu guidaci con la sua esperienza, credo che sia doveroso da parte delle persone con i miei trascorsi, mettere da parte i sani egoismi individuali e aiutare queste nuove generazioni. Sarebbe straordinario tornare alla guida della città, mettere a disposizione l'esperienza, le conoscenze, le idee e i progetti per far crescere una nuova classe dirigente». Concetti ribaditi alla vigilia della presentazione ufficiale da Emilio Toscano, segretario cittadino del Partito Democratico, da Pino Scoletti del Psi e da Christian Anzelmo di “Progetto Comune.

«La politica ha bisogno dell’ impegno dei giovani affinché essa riacquisti fiducia e credibilità agli occhi della gente. L’ impegno politico diretto è sinonimo di responsabilità nei confronti della città e della nostra gente. Abbiamo il dovere di renderci tutti parte integrante di un operoso e mirato lavoro di squadra incentrato sul risanamento ed il rilancio della nostra città –scrivono in una nota-. L’esperienza di una guida, l’entusiasmo di una squadra e la rappresentatività sono le condizioni necessarie a creare la giusta sintesi di intenti e di contenuti per lavorare insieme a degli obiettivi che siano espressione delle esigenze del nostro popolo. Abbiamo innanzitutto il dovere di fare questo».

 

Tiziana Zurro