Angri. AgroInvest. Il CDA dichiara decadute otto aziende assegnatarie

Il consiglio di amministrazione di Agroinvest ha dichiarato decadute otto le manifestazioni di interesse di otto ditte che avevano partecipato al bando per il Piano di insediamento prodottuttivo Taurana. La decisione del Cda è giunta dopo un attento esame della documentazione presentata dalle otto aziende richiedenti che, però, non avevano concretizzato tutti gli adempimenti burocratici richiesti dal bando.

In lizza per un suolo nell’area industriale angrese restano solo cinque ditte e conseguentemente sarà necessario indire un nuovo bando di assegnazione dei lotti restanti. Il nuovo bando, la cui bozza già è stata approvata dal consiglio di amministrazione, prevederà un prezzo dei suoli fermo a 110 euro a metro quadro. Entro 40 giorni saranno aperti anche i bandi a sportello per Sarno, Scafati e Striano per l’assegnazione dei lotti restanti.

Per sabato, nel prossimo consiglio di amministrazione la Regione dovrebbe far pervenire i decreti di assegnazione dei fondi per i Pip di Scafati e Sarno, come ha assicurato Felice Luminello, presidente di Agroinvest e sindaco di San Valentino Torio, Felice Luminello.

“Il Pip più problematico resta Scafati ma grazie ai finanziamenti riusciremo a farlo partire dividendolo in due stralci come già deciso –ricorda Luminello-. A Sarno, invece, la convenzione non è stata ancora firmata dall’amministrazione comunale: la firma, però, dovrebbe arrivare prima della fine del mandato elettorale del sindaco Amicare Mancusi. Intanto a Sarno, il consigliere comunale Livio Falciano, presidente della commissione comunale attività produttive ha convocato una riunione sull’area Pip.

“Abbiamo ascoltato i due dirigenti di Agroinvest che ci hanno delucidato circa lo stato dei lavori in corso, il contenzioso, le assegnazioni dei suoli, l'incremento occupazionale e la crisi economica che attanaglia le imprese nonchè le problematiche generali –ha dichiarato Falciano-. Le difficoltà sono tante ma anche la voglia di risolverle. Giovedì scorso di concerto con la Confcommercio ho partecipato ad una riunione in un'azienda della zona Pip e insieme ai rappresentanti del consorzio Cais, è intervenuto anche il sindaco Luminello che illustrato l’attuale situazione dell’area industriale, chiedendo al Comune di Sarno di sottoscrivere la convenzione per poter proseguire i lavori di ultimazione del Pip sarnese”. A breve, il consiglio comunale di Striano affronterà la stipula della convenzione con AgroInvest. Sempre entro poco tempo, sarà rinnovata anche quella con Scafati.
Tiziana Zurro