Angri. Degrado in periferia. L’allarme del Movimento Cinque Stelle

Esiste una questione periferie. L’amministrazione comunale ha più volte palesato il suo centrismo urbano concentrando tutte le attenzioni nel cuore della cittadina, tralasciando, per altro fuori, da ogni azione amministrativa di riqualificazione e culturale anche luoghi e piazze storiche come Piazza Annunziata e Piazza don Enrico Smaldone. Il maggiore disagio viene vissuto, però, nelle periferie del paese. Un disagio captato e manifestato dal locale Movimento Cinque Stelle che ha espresso il disagio di un parte di popolazione attraverso una nota per la stampa dove: “esprime solidarietà e profonda vicinanza ai cittadini angresi di via Stabia, via Taurana, via Santa Maria, via Quarto per le gravi difficoltà riscontrate nella circolazione stradale da diversi mesi.

Esprime, inoltre, sostegno a tutti gli abitanti delle aree soggette ad allagamenti dovuti alle esondazioni dei vari affluenti del fiume Sarno a causa dell’insufficiente manutenzione. Dopo aver approfondito, in un recente Meetup, le problematiche inerenti la viabilità e la sicurezza di via Santa Lucia e via Badia – un’altra zona di Angri che sprofonda sempre di più nel degrado.” Gli attivisti suona la sveglia e incitano i cittadini: “il Movimento Cinque Stelle invita tutti i cittadini ad attivarsi per far sentire la propria voce. Al fine di tentare almeno di cominciare ad affrontare le varie problematiche che attanagliano le diverse zone periferiche e non di Angri (negli ultimi tempi i disagi sembrano essere aumentati senza soluzione di continuità) proponiamo che venga istituita una commissione permanente composta dalle autorità competenti e dalle forze della polizia locale dove gli abitanti delle varie aree della città che versano in uno stato di abbandono e pericolo possano denunciare e al contempo anche proporre soluzioni”.
Luciano Verdoliva